Taskrabbit, il "fai da te" si espande nel centro-sud Italia: anche a Catanzaro e Reggio Calabria

Nuove opportunità di lavoro per gli appassionati del fai da te: Napoli, Bari, Chieti, Ancona, Catanzaro e Reggio Calabria danno il benvenuto al marketplace per i loro oltre 1,6 milioni di abitanti


Taskrabbit, il network globale che mette in contatto chi ha bisogno di una mano per lavori dentro e fuori casa con tasker competenti e affidabili, da oggi è disponibile in 6 nuove città italiane: Napoli, Bari, Chieti, Ancona, Catanzaro e Reggio Calabria. Più di 600 lavoratori indipendenti si sono già iscritti in queste nuove città. I tasker possono registrarsi per offrire i propri servizi in più di 40 diverse categorie.

L’espansione è frutto del crescente successo ottenuto nel mercato italiano. Dopo il lancio a Roma e a Milano un anno fa, la piattaforma è stata ampiamente utilizzata e apprezzata, come confermato dal 96% dei clienti italiani, che ha valutato i tasker con 4 o 5 stelle.

Le prenotazioni più richieste dagli italiani includono montaggio e assemblaggio mobili e piccole riparazioni domestiche.

Taskrabbit rappresenta un’innovativa opportunità di lavoro per appassionati di fai da te, offrendo loro la possibilità di costruire la propria attività e guadagnare un extra, garantendo al contempo ai clienti un’esperienza trasparente e di facile utilizzo, affinché possano prenotare i servizi in modo rapido e semplice. In Italia Taskrabbit conta più di 8.000 tasker, che guadagnano in media 12 euro all’ora, poiché – in quanto lavoratori indipendenti – stabiliscono autonomamente le proprie tariffe e disponibilità, prendendo il 100% del loro onorario e delle eventuali mance.



Il lockdown ha confermato la passione degli italiani per il fai da te: 4 su 10, anche prima della pandemia, non hanno mai rinunciato a sporcarsi le mani. Infatti, solo il 10% si è interessato al fai te negli ultimi mesi e, durante il confinamento, soltanto il 14% si è cimentato per la prima volta nel montaggio mobili, il 14% nelle riparazioni idrauliche, il 13% in quelle elettriche e il 12% nella tinteggiatura delle pareti. Questo è quanto emerge dall’indagine di MPS Research per Taskrabbit che ha analizzato il rapporto degli italiani con il fai da te.

"Siamo entusiasti di portare Taskrabbit in 6 nuove città italiane, offrendo la possibilità a milioni di persone in più di usufruire della piattaforma e della nostra gamma di servizi. Abbiamo rilevato una forte domanda nel nostro primo anno in Italia e ci aspettiamo che continui così, con prenotazioni che si prevede triplicheranno nel prossimo anno” ha affermato Begüm Zarmann, Managing Director di Taskrabbit Europe. “Soprattutto, siamo orgogliosi di contribuire a creare nuove opportunità di lavoro a Napoli, Bari, Chieti, Ancona, Catanzaro e Reggio Calabria, sostenendo l’economia locale e rafforzando la micro-imprenditorialità”.



Nell’ambito della sua strategia di crescita in Europa, Taskrabbit continuerà a espandersi in Italia e prevede di essere accessibile in tutto il Paese nei prossimi mesi.

A livello mondiale, Taskrabbit è disponibile anche in migliaia di città di Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Spagna, Francia, Germania e Portogallo. Negli ultimi dieci anni, sono stati prenotati più di 9 milioni di servizi attraverso la piattaforma.

L'azienda, che è una società interamente controllata da INGKA Group (IKEA), è attiva da oggi in otto città italiane attraverso la sua app mobile e il suo sito web. Inoltre, i clienti IKEA possono accedere ai servizi di montaggio mobili forniti da Taskrabbit direttamente in 10 negozi IKEA in Italia e attraverso il sito di e-commerce di IKEA. I tasker sono disponibili ad aiutare i clienti IKEA a montare i mobili nelle loro case entro un giorno dall'acquisto.



74 visualizzazioni0 commenti