top of page

Violenze e soprusi: un arresto a Paola. La denuncia a Pozzuoli

Violenze e soprusi: un arresto a Paola. Le indagini in collaborazione con i carabinieri di Pozzuoli

Violenze e soprusi a Paola. I carabinieri di Pozzuoli e di Paola arrestano un uomo


PAOLA – 8 lug. 23 - Violenze e soprusi. I carabinieri della compagnia di Pozzuoli, in Campania, ed i colleghi della compagnia di Paola hanno eseguito un arresto. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari, Rosamaria Mesiti, del Tribunale di Paola su proposta della locale Procura della Repubblica nei confronti di un uomo, ritenuto, gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale aggravata commessa in ambito familiare e porto abusivo di armi comuni da sparo. Dietro questo scarno comunicato diffuso ieri, si nasconde, invece, una storia di continue violenze e soprusi.


Violenze e soprusi: un arresto a Paola. La denuncia a Pozzuoli

Una vicenda che nasce in un ambiente degradato e che provoca sofferenze a chi l'ha vissuta, come vittima, in prima persona. In manette è finito M.M. un pastore cinquantenne, già noto alle forze dell'ordine, che appunto, è stato prelevato in collaborazione con i militari di Pozzuoli che avrebbero ricevuto la denuncia circostanziata delle presunte violenze subite. Emergono situazioni complesse di profonda prostrazione per le vittime che sarebbero state minacciate con frasi del tipo: “Ti scanno, ti taglio la testa e la do ai cani, e mi bevo il sangue”. Quattro figli di 23, 15, 8 e 7 anni, tutti sottoposti alle continue vessazioni. Avrebbero già, in qualche modo riferito di violenze fisiche e psicologiche. Il materiale finito nel fascicolo di indagine inchioderebbe l'uomo alle sue responsabilità, tanto che appunto il Gip di Paola ha disposto l'ordinanza di custodia cautelare in carcere.



Violenze e soprusi: un arresto a Paola. I figli costretti a lavorare e subire le angherie e le violenze

L’uomo avrebbe fatto lavorare i giovani figli in un terreno agricolo di proprietà, forse anche abusando di una delle figlie. Si raccontano storie di impiccagione dei cani, e di pecore uccise a colpi di arma da fuoco solo perchè si muovevano quando prelevava il latte. Violenza verso i figli, anche con l'utilizzo di un bastone. Mesi e mesi di brutture di vita legata agli umori del cinquantenne che più volte abusava anche dalla figlia. Quando madre e figli hanno capito che la situazione non poteva che peggiorare, si è verificata la fuga in Campania e, lì, la decisione di denunciare tutto fornendo anche del materiale che secondo quanto è emerso potrebbe inchiodare l'uomo alle sue responsabilità.


Violenze e soprusi: un arresto a Paola. La denuncia a Pozzuoli

Una situazione tale che avrebbe portato anche la compagna a decidere di farla finita e quando avrebbe rivelato le sue intenzioni al cinquantenne quest'ultimo gli avrebbe risposto: “vai a suicidarti da un’altra parte, altrimenti mi rovini il pavimento”. Alla luce di tutti questi elementi, il gip di Paola Rosamaria Mesiti ha disposto la custodia cautelare in carcere per l'uomo con le accuse di: maltrattamenti, violenza sessuale aggravata ai danni della figlia adottiva minorenne, violenza sessuale ai danni della moglie, e detenzione illegale di fucile e pistola.



Kommentarer


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page