Scalea, un'associazione per riunire tutti gli operatori di salvataggio del litorale - VIDEO

La proposta, consequenziale all'attivazione di un gruppo instangram @lifeguardscalea ideato da Gabriele Grosso. L'obiettivo è garantire maggiore informazione e più sicurezza per i bagnanti

SCALEA – 20 lug 20 - Gli operatori di salvataggio dei numerosi stabilimenti balneari di Scalea si organizzano per rendere più professionale e più sicuro il loro lavoro. Grazie alle nuove tecnologie si può creare una rete che possa contribuire a scambiare informazioni, in modo informale, ma anche per la sicurezza in casi eccezionali e di intervento.

Gabriele Grosso, l'assistente bagnanti ideatore del gruppo @lifeguardscalea ha già cominciato a dar vita al gruppo, che potrebbe diventare un'associazione. E la comunicazione che attualmente avviene utilizzando canali tipo whatsapp si rivela importante, in alcuni casi anche per il salvataggio di vite umane. Lo scorso 16 luglio un episodio accaduto in spiaggia e concluso positivamente ha confermato l'utilità della rete fra gli operatori di salvataggio. Racconta Gabriele Grosso di un intervento effettuato in emergenza che ha avuto esito positivo in tempi brevi, proprio grazie all'intervento degli operatori. Si era smarrito un ragazzino che aveva problemi a rintracciare l'ombrellone dei familiari. In breve tempo, e grazie alla rete dei lifeguard il giovane è stato riaffidato alle cure dei propri cari.

“Ligeguardscalea” è già una pagina instagram nata lo scorso 22 agosto dall'idea di tre giovani assistenti. “Intento di questo canale social – spiegano – è quello di condividere su stile americano, foto e video dell'operato degli uomini in t-shirt rossa impegnati a garantire sicurezza e primo soccorso sulle spiagge di Scalea”.


Ma le idee viaggiano veloci e vanno anche oltre perché si pensa di avviare un rapporto diretto con i bagnanti, condividendo informazioni utili riguardanti il settore della balneazione: dalle norme di comportamento alle condizioni meteomarine di una tipica giornata d'estate. E poi, lo scambio di informazioni diventerebbe fondamentale in caso di interventi d'emergenza. “Il nostro augurio – ha detto Gabriele Grosso - è quello di poter dar vita al più presto a Scalea, ad una aggregazione legalmente riconosciuta che possa curare la formazione e la selezione degli operatori da impiegare sulle nostre spiagge, magari affiancando una realtà già esistente come il consorzio turistico "Scalea Mare". Nel frattempo per quest'anno abbiamo pensato di iniziare col creare una rete di comunicazione che possa congiungere tutti gli operatori di salvataggio di prima linea; questo per garantire una più efficace operatività sul territorio. L'ideale sarebbe farlo attraverso l'utilizzo di ricetrasmittenti professionali da dislocare quantomeno nei punti più strategici del nostro tratto di competenza, oltre al gruppo Whatsapp già esistente. Iniziamo a pensare in grande: insieme possiamo farlo”.

IL VIDEO



747 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)