top of page

Scalea, rifiuti lungo l'alveo del fiume Lao: Italia nostra segnala

Scalea, l'aveo del fiume Lao disseminato di rifiuti di vario genere: Italia nsotra segnala


Scalea, l'aveo del fiume lao disseminato di rifiuti di vario genere: Italia nsotra segnala


SCALEA – 16 dic. 23 - La presenza di micro discariche di rifiuti lungo l'alveo del fiume Lao è una problematica sollevata diverse volte dalle sigle ambientaliste e, in particolare, dai componenti di Italia nostra del Tirreno cosentino. La questione ha grande rilevanza ambientale in quanto, in caso di piena del corso d'acqua, inevitabilmente il materiale delle micro discariche finisce in mare con tutte le logiche conseguenze. E il materiale presente è di vario genere. Talvolta sono stati segnalati anche frammenti di eternit fortemente dannosi per la salute umana. Ora, Italia nostra, in una nota scrive: “È veramente vergognoso, disdicevole ed insopportabile: sono anni che siamo costretti a denunciare l’abbandono di rifiuti di ogni genere e tipologia che vengono illegalmente buttati nell’alveo del fiume Lao, a varia distanza dalla corrente del corso d'acqua, che viene utilizzato come una vera discarica a cielo aperto.

I rifiuti sono quelli segnalati, a partire dal passaggio in ferro del fiume procedendo verso la strada che costeggia a sud l’argine e porta al paese. È vergognoso che le autorità comunali e altre autorità territoriali stiano inermi a guardare senza assumere alcun provvedimento che individui i colpevoli e vengano comminate sanzioni severe. Colpisce soprattutto l’abbandono di materiale da costruzione, indicativo di attività edilizie abusive, trasportato da mezzi che non possono passare inosservati”. Il corso del fiume Lao è anche protetto, lo ricorda Italia nostra: “Pensare che il fiume Lao è area Sic e zona speciale di conservazione e andrebbe tutelato con il massimo rigore, sia impedendo queste pratiche illegali che le coltivazioni agricole abusive in alveo altrettanto dannose come abbiamo spesso evidenziato e spiegato.

Si è mai pensato di porre il problema della tutela del fiume all’attenzione delle Autorità regionali per avere finanziato almeno i mezzi minimi di controllo elettronico delle strade di avverso e dei varchi al fiume, qualora il comune non disponga di queste risorse che non richiedono una rilevante spesa? Se così non è – commentano gli ambientalisti - teniamoci questa situazione e poi non meravigliamoci di una Calabria del mal governo dove nulla funziona, dove alberga il menefreghismo e l’indifferenza, dove fra poco non ci meraviglieremo più nemmeno di un mare dove sguazzare tra i rifiuti. Uno dei gravi problemi sono proprio i materiali di risulta dei lavori edili”.


Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page