top of page

Ingressi contingentati all'Arcomagno e senza ombrelloni e sedie: vietato bivaccare

L'ordinanza del sindaco Madeo a San Nicola Arcella, mira a controllare gli accessi nel sito naturalistico, limitare i tempi, e far pagare gli accessi



SAN NICOLA ARCELLA – 19 lug. 22 - Un'ordinanza del sindaco Eugenio Madeo che punta a migliorare la qualità del sito dell'Arcomagno e a regolamentare gli accessi. Sarà necessario pagare un ticket, perchè questo sembra essere il modo migliore per preservare i siti naturalistici e non solo. Dovrebbero esserci controlli mirati che puntano a far finire l'idea del sito dell'Arcomagno come un luogo di bivacco. Ciò che gli amanti dell'ambiente si aspettano è un “religioso” rispetto di un'area che è certamente uno dei luoghi più belli del mondo. L'ordinanza del sindaco Eugenio Madeo, parte da domani. Si potrà accedere alla spiaggetta dell’Arcomagno dalle ore 09.00 alle ore 19.00 solo ed esclusivamente in presenza del personale addetto al controllo ed alla vigilanza dei percorsi che consentono il raggiungimento del sito. Questa è una prima regola d'oro. Nessuno potrà andare per conto suo. La presenza della vigilanza dovrà essere assicurata nei giorni festivi e prefestivi del mese di luglio e tutti i giorni del mese di agosto. E’ assolutamente vietato il passaggio in mare sotto l’arco per ragioni di sicurezza e tale divieto riguarda imbarcazioni, pattini e bagnanti. È assolutamente vietato portare con sè sdraio, ombrelloni, asciugamani ed altri oggetti ingombranti, alimenti di qualsiasi genere e la sosta sulla spiaggetta dell’Arcomagno non potrà superare i 20 minuti. E’ assolutamente vietato spingersi fin sotto la grotta dell’Arcomagno, per pericolo caduta massi.



L’accesso alla spiaggetta dell’Arcomagno per i visitatori è consentito solo a seguito del pagamento di un ticket di ingresso. Il costo del ticket è fissato in 3 euro, con riduzione ad 1,50 per minori, sino al compimento del 12esimo anno di età. Questo ultimi dovranno essere accompagnati da persone adulte. I due punti vendita devono essere posti sul lato Sud, in prossimità dell’accesso alla scalinata della Marinella e sul lato Nord in prossimità dell’ingresso pedonale sotto l’arco di Enea.

Gli introiti derivanti dalla vendita dei biglietti saranno interamente utilizzati per far fronte ai costi dei servizi di vigilanza, biglietteria e pulizia e potranno essere applicate agevolazioni sui costi dei biglietti in presenza di particolari intese fra la società incaricata del servizio e gli operatori che gestiscono barche adibite al trasporto di visitatori, gestori di lidi e di strutture turistiche ed alberghiere.



La presenza della vigilanza, spiega il sindaco Eugenio Madeo, è stata possibile, a seguito dell’intervento di riqualificazione e manutenzione del sentiero naturalistico dell’Arcomagno e del certificato di regolare esecuzione dei lavori redatto dalla direzione dei lavori in data 8 luglio 2019, che così recitava: “...si consiglia l’accesso al sentiero naturalistico all’Arcomagno ai visitatori solo attraverso l’utilizzo di personale formato e con apposite visite guidate organizzate” e della convenzione sottoscritta in data 16 luglio con la società “Professione servizi” per un servizio di vigilanza, biglietteria e pulizia per visite guidate e controllate per la spiaggetta dell’Arcomagno. La violazione dell’ordinanza comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa di una somma da 25 a 500 euro, con eventuale pagamento in misura ridotta ai sensi della legge, con riserva di intraprendere azioni per il risarcimento di ulteriori danni per le spese sostenute dal Comune e conseguente denuncia all’autorità giudiziaria.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram.jpg

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page