Ex Marlane: la Cgil del Tirreno ricorda i lavoratori che hanno perso la vita

Fiori davanti al cancello della ex Marlane per ricordare i lavoratori che hanno perso la vita. Il punto della situazione della responsabile del Tirreno, Mimma Iannello


PRAIA A MARE – 1 mag. 21 - Un luogo simbolo della memoria del lavoro e dell’impegno al rilancio del territorio. E' la ex Marlane, oggi un terreno coperto da erbacce e con i vecchi capannoni, luogo simbolo del lavoro degli anni passati. La pandemia, nonostante le misure di sostegno, fa registrare segnali negativi nel mondo del lavoro un po' ovunque. Un mazzo di fiori davanti ai cancelli della ex Marlane che hanno visto il passaggio di tanti operai. Un pensiero, quello di Mimma Iannello responsabile Cgil dell'area Tirreno, rivolto ai lavoratori, agli operai ai precari. “In questo tempo di incertezze e sofferenza del mondo del lavoro – scrive Mimma Iannello - il pensiero della Cgil va alle 120.000 vittime di Covid e fra queste, alle centinaia di lavoratori e lavoratrici che hanno perso la vita nella resistenza al virus e verso i quali le misure di protezione sanitaria non sono risultate sempre sufficienti e adeguate. Il pensiero va alle tante lavoratrici e lavoratori esposti al rischio di contagio e che, dall’inizio della pandemia ad oggi, stanno garantendo l’apertura di attività essenziali per la quotidianità delle famiglie.

In questo contesto di lavoro che sollecita impegni sempre più rigorosi di rispetto delle norme sulla sicurezza, il ricordo della Cgil va a tutte le vittime del lavoro ed in particolare alle 150 vittime dell’ex stabilimento Marlane di Praia a Mare che rappresentano la memoria del lavoro del nostro territorio.



In questo Primo maggio – aggiunge Mimma Iannello - il ricordo di quelle morti e di quella esperienza industriale, assume per la Cgil il valore di un punto da cui partire per dare certezza ai diritti nel lavoro e per costruire nuova e buona occupazione, sostenibilità ambientale e legalità quali basi per impedire che la nostra terra si svuoti del suo migliore capitale sociale e che venga divorata da interessi speculativi che la deprivino di futuro.

Dentro necessari percorsi partecipati, per la Cgil servirà agire ogni responsabilità istituzionale e sociale del territorio per lenire le ferite dei diritti negati nel lavoro e della cittadinanza e per mettere in circolo tutta la progettualità possibile e sostenibile per attrarre risorse dalla programmazione ordinaria e comunitaria e dai finanziamenti derivanti dalle misure del Pnrr che interesseranno anche il Tirreno e che saranno preziosi per ammodernare e innovare i processi produttivi pubblici e privati e le infrastrutture materiali ed immateriali, a partire dal prolungamento dell’Alta Velocità SA-RC”. La sindacalista evidenzia che i dati Eurostat fotografano la condizione del lavoro in Calabria nel 2020 con più di una persona su cinque senza lavoro, ovvero, il 20,1% contro realtà del Nord che segnano ben altri numeri: il 3,8% la provincia autonoma di Bolzano, il 5,3% quella di Trento, il 5,7% l’Emilia-Romagna.

Al 31.12.2020 i nuclei familiari percettori in Calabria di misure di sostegno erano 80.886 di cui il 91,5% per reddito di cittadinanza e l’8,5% per pensione di cittadinanza per un totale di 187.622 persone. Il reddito pro capite regionale (12.700 euro) continuava ad esser sotto la media delle regioni del Mezzogiorno e poco più della metà della media nazionale.

“E poi – aggiunge Mimma Iannello - i dati impietosi che dicono del lavoro nero e sommerso, della disoccupazione giovanile e femminile, delle migliaia di lavoratori in cassa integrazione o sospesi senza alcuna protezione, dell’ampiezza del bacino di precariato, dei circa 20.000 occupati in meno rispetto al 2019 nonostante gli accordi sindacali sul blocco dei licenziamenti e le misure di sostegno o ancora, della rincorsa a ostacoli alla stabilizzazione del precariato nella pubblica amministrazione”.



162 visualizzazioni0 commenti