• miocomune.tv

Diamante, processioni del 12 e 15 agosto: il vescovo risponde al sindaco Magorno

Per Monsignor Leonardo Bonanno valgono le regole stabilite per tutti.


DIAMANTE – 1 ago. 20 - “Verrà il tempo delle processioni che conservano valenza sociale antica”. Il vescovo della diocesi di San Marco Argentano-Scalea, monsignor Leonardo Bonanno, con una lettera aperta risponde al sindaco di Diamante, il senatore Ernesto Magorno. Quest'ultimo, come è noto, aveva inviato una lettera ai sacerdoti affinchè si potessero organizzare le processioni del 12 e del 15 agosto, a Diamante e a Cirella, per l'Immacolata e la Madonna dei Fiori a Cirella.

Due appuntamenti che rappresentano il simbolo della devozione del popolo di Diamante e Cirella ed anche dei marinai. L'obiettivo del sindaco Magorno era quello di creare le condizioni che le manifestazioni religiose si svolgessero nel rispetto delle regole anti covid. Il vescovo Bonanno però ritiene che si debba seguire la linea intrapresa anche in altri comuni.



“Apprendo con stupore da “Il Quotidiano del Sud” di oggi l’appello da Lei rivolto a due dei tre Parroci di Diamante perché il 12 e il 15 agosto si possano svolgere le processioni in onore della Madonna, come nel recente passato. Avrei gradito sentirLa, o avere un Suo scritto in merito – scrive il vescovo Bonanno - come avvenuto di recente, invitato a partecipare ad alcune iniziative pubbliche. Risulta superfluo ricordare a Lei, che è uomo delle Istituzioni, la vigente normativa anti Covid-19, riguardante in particolare le celebrazioni liturgiche con la partecipazione dei fedeli della Chiesa Cattolica, secondo il Protocollo d’Intesa tra il ministero dell’Interno e la Conferenza Episcopale Italiana”. Le manifestazioni religiose sono da mesi soggette alle regole generali ed il vescovo ritiene che non si possano trasgredire, che non si possano trovare alternative. Forse anche come quella ipotizzata dal sindaco Magorno, una processione in solitario della statua per le vie del centro balneare. Il vescovo Bonanno precisa: “Si evince come la ripresa delle attività pastorali, e delle manifestazioni religiose pubbliche in particolare, dovrà essere necessariamente graduale, limitata dalle misure per la tutela della preminente salute pubblica, dovendo seguire anche le linee - guida della Conferenza Episcopale Calabra. In ottemperanza a quanto sopra non si è tenuta in Diocesi la processione del Corpus Domini né si potevano programmare quelle dei mesi successivi”. Il vescovo Bonanno riporta quanto avvenuto a Scalea, d’intesa con il commissario Francesco Massidda. Lo scorso 16 luglio non si è tenuta l’annuale processione della Madonna del Carmine, Patrona della città. “Non si terrà parimenti – conferma Bonanno - quella di Praia a Mare del 15 agosto, come da me concordato con l’Ufficio di Governo della Provincia e opportunamente condiviso dal Consiglio Pastorale della Parrocchia “Madonna della Grotta”. Egregio Senatore – conclude Magorno - l’itinerario devozionale del cristiano e quello di una comunità postulano comunque una interiorità e/o una religiosità fatta di verità, onestà, solidarietà, ecc… favorendo la civiltà dell’Amore; così come la Santa Vergine desidera essere onorata soprattutto nei nostri cuori e nelle nostre famiglie”

0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)