top of page

Cetraro-Paola, petizione per migliorare il reparto di radiologia

Una volta raccolte le firme, verranno inviate al commissario Asp, Graziano



CETRARO – 5 gen. 23 - Sono state già raggiunte le cento firme, ma si conta di raddoppiarle e di superare le previsioni. E' stata avviata una petizione on line da inviare al commissario dell'Asp di Cosenza, Antonello Graziano. L'obiettivo è di supportare i medici in servizio e migliorare le attività di prevenzione e controllo dei tumori del reparto di radiologia dell'ospedale di Cetraro. Si tratta di una petizione sulla piattaforma Change. Nella petizione al commissario dell'Asp, in riferimento al funzionamento del reparto di radiologia dell'ospedale di Cetraro, si evidenzia: “i medici che oggi si dedicano solo al servizio di screening mammografico per la fascia di età compresa tra i 50 ed i 69 anni, peraltro con un esiguo carico di lavoro rispetto al normale servizio di una struttura pubblica, tornino ad operare, per le restanti ore di servizio all'interno del reparto di Radiologia.



Il reparto di radiologia dell'ospedale di Cetraro per le attrezzature di ultima generazione di cui è dotato e le diagnosi che è in grado di fornire è uno strumento fondamentale per la lotta ai tumori nel Tirreno cosentino e nelle aree interne viciniori: oggi non può erogare al meglio i suoi servizi e le sue grandi potenzialità per carenza di personale. Negli anni il personale medico del reparto, costituito da 14 medici operanti a pieno regime è stato progressivamente depotenziato, prima in seguito ad un concorso che ha di fatto spostato 5 medici presso altre strutture, con orario di servizio ridotto, poi in seguito a pensionamenti ed eventi luttuosi senza reintegro del personale”. Si ricorda ancora che, sotto l'operato dell'ex commissario dell'Asp di Cosenza La Regina, il depotenziamento si è accentuato con il distaccamento di altri 3 medici radiologi che operano esclusivamente al servizio di "Screening mammografico".



“Il personale medico rimasto in attività del reparto di Radiologia , si trova così a dover affrontare con carenza di risorse umane le necessità del presidio di Cetraro, di quello di Paola , in emergenza urgenza, in servizio diurno e notturno e nei festivi, dell'ospedale di Praia a Mare, di San Marco Argentano e di San Giovanni in Fiore. In queste condizioni, mammografie, cardiotac, angiografie, indagini con Tac e Risonanza magnetica a 640 strati di ultima generazione perfettamente funzionanti – si legge nella petizione - non riescono ad essere erogate per carenza di medici in grado di eseguire le indagini e di refertare; chi ne subisce le conseguenze dirette sono in particolare proprio i pazienti che si trovano a dover combattere con i tumori. Sono proprio quelli che hanno bisogno continuo di diagnosi tempestive, e che purtroppo, l'evidenza ci dice che sono in continuo aumento”.


Il link della petizione https://chng.it/GFKp6xc6Vm