top of page

Caro acqua a Praia a Mare. La lettera di una cittadina: «Costa meno l'acqua del deserto»

Il costo del servizio idrico caro secondo una cittadina proprietaria di abitazioni a Praia a Mare



PRAIA A MARE – 10 gen. 23 - Una cittadina proprietaria di seconde case a Praia a Mare commenta il “caro bollette”. Rosaria Gallo abita in provincia di Milano e possiede “un piccolo appartamento” di sua proprietà vicino al mare, di 38 mq, e un altro in comproprietà, vicino alla stazione di Praia a Mare.

“Vorrei far presente – scrive Rosaria Gallo - la situazione annosa del Comune nei confronti dei cittadini, residenti e non, che ogni sei mesi si vedono arrivare, al proprio domicilio, bollette di acqua e fognatura stratosferiche. La richiesta dell'amministratore di condominio di mettere dei contatori, non credo abbia ottenuto dei risultati. Ma quello che è davvero scandaloso, da parte di queste amministrazioni che si sono succedute in 33 anni, da quando, cioè sono proprietaria, è la decisione del tutto illegale, di fare pagare un fisso di 140 metri cubi di acqua a ciascun proprietario, esclusi, forse, quelli che sono riusciti ad installare un contatore.



È un furto autorizzato – scrive la donna - perché, io che vivo in provincia di Monza e Brianza, dove Brianza Acque s.p.a. gestisce la fornitura di acqua e la pulizia delle fosse biologiche, pago per cinque persone residenti, circa 190 euro l'anno.

Invece da Praia a Mare, per ciascuno dei due appartamenti sono arrivate due bollette semestrali di ben 117 euro, per un totale di 234 euro”. La signora gallo grida allo “scandalo” e afferma: “Spero di avere il tempo materiale per analizzare il conto consuntivo del 2022, visto che, come impiegata statale ho fatto bilanci e conti consuntivo per 36 anni. Non capisco perchè chi va in vacanza a Praia a Mare, debba anche essere “tangentato” in questo modo. Penso che l'acqua a Praia a Mare costi più di quella del deserto del Sahara”.