Arriva lo spazzino del mare sull'alto Tirreno. Bisognerà vederlo all'azione

Un impegno economico non indifferente da parte delle amministrazioni di Tortora, Praia a Mare, San Nicola Arcella, Scalea



ALTO TIRRENO – 13 lug. 22 - Arriva l'ecoboat per ripulire il mare dalla sporcizia. Sarà così? Se lo chiedono diversi cittadini che sono scettici sul reale risultato di un solo battello in un ampio specchio d'acqua. Insomma bisognerà vederlo all'opera e capire se si tratta di una vera e propria soluzione o di un palliativo per limitare le polemiche che puntualmente arrivano quando la qualità delle acque non è delle migliori. Dietro l'operazione “Ecoboat” c'è anche un impegno economico non indifferente di denaro pubblico e quindi bisognerà capire quanto l'iniziativa sia vantaggiosa. Come fanno sapere i sindaci l'ecoboat ha “il compito di pulire, controllare ed esaminare, grazie all'intesa fra i comuni di Tortora, Praia a Mare, San Nicola Arcella, Scalea, il sindacato italiano balneari e la Regione Calabria. Importante il rapporto di collaborazione con la guardia costiera. Un servizio quest'anno sperimentale per comprendere cosa fare in modo efficace e risolutivo per il nostro mare.



288 visualizzazioni0 commenti