Trovato con due Kg di marijuana nella "seconda" casa. Arrestato un 32enne a Rende

Denunciata anche la compagna; in casa, il contatore dell'energia elettrica era allacciato abusivamente



RENDE – 5 ago. 22 – Arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un giovane di 32 anni della città. Secondo quanto è emerso dalle indagini, come base per nascondere la droga e confezionare le dosi, si serviva di una seconda abitazione diversa da quella in cui dimora, in zona Surdo di Rende. L’uomo, che non era in casa in un primo momento, prima di presentarsi davanti ai militari dell’Arma nell’appartamento di Cosenza, ha pensato di raggiungere prima l’abitazione “d’appoggio” per disfarsi della sostanza stupefacente. A sorprenderlo, però, c’erano già i carabinieri che lo attendevano. In seguito alla perquisizione domiciliare sono stati infatti rinvenuti due chilogrammi di marijuana e tutto l’occorrente per la pesatura ed il confezionamento della droga, tutto materiale posto sotto sequestro.



La perquisizione dell’altra abitazione, invece, ha consentito di appurare, a seguito di un accertamento effettuato insieme al personale dell’Enel, l’allaccio abusivo sulla rete pubblica per evitare il pagamento dell’energia elettrica, motivo per il quale la compagna convivente dell’arrestato, è stata denunciata in stato di libertà per furto aggravato di energia elettrica. L’arrestato, su disposizione del magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Cosenza, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Gli indagati sono da ritenere presunti innocenti fino ad un eventuale definitivo accertamento di colpevolezza. Proseguirà nei prossimi giorni, la campagna di intensificazione dei controlli disposta dalla Compagnia Carabinieri di Rende per un deciso richiamo alla responsabilità e al rispetto delle regole adottate a tutela dell’incolumità e per assicurare e prevenire ogni fenomeno di illegalità.



282 visualizzazioni0 commenti