top of page

Scalea, violenza in famiglia: denuncia grazie allo sportello "La Ginestra"

Scalea, braccialetto elettronico per un uomo accusato di violenza in famiglia: la denuncia, grazie allo sportello "La Ginestra"


Scalea, braccialetto elettronico per un uomo accusato di violenza in famiglia: la denuncia, grazie allo sportello "La Ginestra"

Scalea, 21 febbraio 2024 - Lo sportello antiviolenza “La Ginestra”: “un faro di speranza per le vittime di violenza in famiglia”, denuncia per un uomo e braccialetto elettronico a Scalea. "La Ginestra": un punto di riferimento. Nella battaglia contro la violenza domestica, un nuovo caso ha trovato una sponda sicura proprio all'interno dell'organizzazione dello sportello antiviolenza “La Ginestra”.


Maltrattamenti e denuncia

Una signora, residente a Scalea, dopo aver subito maltrattamenti da parte del marito, ha avuto il coraggio di rivolgersi a questo fondamentale servizio. Grazie al supporto offerto, la vittima di violenza domestica, ha trovato la forza di denunciare il suo aguzzino, mettendo così in moto un meccanismo di giustizia che ha portato alla luce un'altra oscura realtà di violenza familiare.

La risposta delle autorità competenti, si apprende, è stata tempestiva e decisa. La settimana scorsa l'Ufficio del Giudice per le indagini preliminari di Paola, coordinato dalla dottoressa Carotenuto, ha agito prontamente su richiesta del pubblico ministero, applicando al marito violento una misura cautelare di divieto di avvicinamento. È stata garantita la protezione della vittima e del figlio minore.


Obblighi per l'indagato

L'indagato è stato obbligato a mantenere una distanza di almeno 500 metri dalla moglie e dal ragazzo, con il controllo costante dell'osservanza della misura grazie all'utilizzo del braccialetto elettronico.

“L'assistenza continua e preziosa fornita dallo sportello “La Ginestra” alle donne vittime di violenza – si ricorda - è un esempio tangibile di come la solidarietà e la professionalità possano fare la differenza nella vita di chi si trova in una situazione di estrema vulnerabilità”. Questo non è il primo intervento di successo dello sportello: poco tempo fa, “La Ginestra” ha svolto un ruolo determinante in un altro grave caso di violenza domestica a Scalea.


Un caso precedente

In quel frangente, la donna vittima di violenza ha trovato il coraggio di denunciare il suo compagno, il quale è stato condannato dal Tribunale di Paola a una pena esemplare di 5 anni e 2 mesi di reclusione, oltre al risarcimento dei danni nei confronti della parte offesa e dello sportello antiviolenza che ha assunto un ruolo attivo anche in sede processuale, costituendosi parte civile con il patrocinio dell’avvocato Fabio Spinelli e contribuendo in modo significativo all'ottenimento della giusta condanna per l'aggressore.

L’avvocato Teresa Sposato, presidente dello sportello ha dichiarato: “Sono molto soddisfatta, la Ginestra è diventata un punto di riferimento importante per le donne vittime di violenza. Continueremo a seguire con impegno tutti i casi e a sperare che sempre più vittime possano trovare il coraggio di chiedere aiuto e giustizia attraverso lo sportello”.

1.084 visualizzazioni

Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page