• Scalea

Scalea rinnova il patto di fratellanza con Wladyslawowo

Una delegazione della città polacca gemellata con Scalea presente al consiglio comunale



SCALEA – 11 mag. 22 - Consiglio comunale in piazza Maggiore De Palma alla presenza della delegazione polacca del comune di Wladyslawowo, gemellato con Scalea. La proposta di delibera che ha suggellato il patto di fratellanza a supporto del gemellaggio del 2017 sarà inviata anche alle ambasciate Russe ed Ucraine in Italia con la richiesta di un immediato cessate il fuoco sul fronte di guerra. Un gesto simbolico voluto dal consiglio comunale e “votato” anche dal sindaco polacco Kuzel che è intervenuto a margine dei lavori. Il sindaco di Wladyslawowo ha particolarmente apprezzato la bandiera esposta sia sul pennone del comune di Scalea che sul tavolo del consiglio e ha ringraziato per l’ospitalità e l’organizzazione delle attività previste in questi giorni. Kuzel ha parlato di “una grande occasione per rinnovare la collaborazione e instaurare nuove amicizie” e non sono mancate anche parole di sostegno alle vittime del conflitto armato in Ucraina.



L’amministrazione comunale ha poi consegnato delle particolari ceramiche artigianali realizzate appositamente per la visita della delegazione polacca che ha ricambiato con una vela in vetro e cristallo simbolo del percorso da compiere insieme che come prossima tappa prevede la partecipazione di una delegazione della città di Scalea nel mese di giugno, alla festa delle città gemellate organizzata dal comune di Wladyslawowo. Il sindaco Giacomo Perrotta ha rinnovato il benvenuto al collega di Wladyslawowo e a tutta la delegazione: “I gemellaggi sono un momento importante per la reciproca conoscenza e per il rafforzamento dello spirito europeista che oggi, più che mai, deve unirci per un unico obiettivo che è la pace – ha detto Perrotta -. Il cammino che ci ripromettiamo di affrontare insieme si basa su queste premesse, che siamo chiamati a confermare, costruendo insieme una parte del futuro delle nostre comunità, che a loro volta si inseriscono nel mosaico di identità dell'Europa dei popoli, in un momento in cui più che mai si avverte il bisogno di contribuire alla costruzione di un profondo senso di appartenenza ad una casa comune che deve affrontare le difficoltà e le insidie di un periodo di grave crisi economica e sociale”.




141 visualizzazioni0 commenti