Rogliano, sorvegliato speciale viola di nuovo l'obbligo di soggiorno

L'arresto dei carabinieri di Rogliano, coordinati dal capitano Mattia Bologna

ROGLIANO - 27 mar. 21 - Nella giornata di ieri, i militari del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia Carabinieri di Rogliano, coordinati dal capitano Mattia Bologna, hanno tratto in arresto un 31enne residente a Cellara (CS), pluripregiudicato, sottoposto sia alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza che a quella cautelare dell’obbligo di presentazione alla P.G., poiché colto in flagranza a violare le prescrizioni della stessa misura di prevenzione. L’uomo risulta già noto alle Forze dell’Ordine non solo per le proprie numerose vicissitudini giudiziarie, ma anche per essere già stato recentemente tratto in arresto per analoga violazione, in quanto sorpreso a Cosenza senza alcuna giustificazione né averne dato preventiva comunicazione ad alcuna Forza di Polizia.



Le ricerche del giovane sono scattate nella prima mattinata di ieri quando è stato proprio l’uomo a dare notizia alla Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Rogliano che, a causa dello sciopero indetto dalle Ferrovie della Calabria per l’intera giornata, non avrebbe potuto recarsi presso il Comando Stazione di Mangone per ottemperare all’obbligo di firma. Attesa la scusa piuttosto bizzarra fornita dal giovane per non recarsi in Caserma, è scattata immediatamente la verifica presso la sua abitazione, ove infatti nessuno ha risposto né al citofono, né alla porta, confermando a pieno i sospetti dei Militari per cui il pregiudicato stesse in realtà commettendo qualche azione illecita. Ecco allora che le ricerche del pregiudicato sono state immediatamente diramate in tutta la Valle del Savuto: dopo meno di mezz’ora, il Sorvegliato Speciale è stato rintracciato nel Comune di Piane Crati (CS), nei pressi dell’ufficio postale, senza che fosse in grado di fornire alcuna risposta alle richeiste dei Militari circa le ragioni per cui si trovasse in quel luogo. Sottoposto pure a perquisizione personale prima di essere rincondotto in Caserma, è stato trovato in possesso di un telefono cellulare, strumento di comunicazione che le misure in atto gli impediscono di detenere.



Trasportato presso la Caserma di Via Eugenio Altomare, è stato pertanto tratto in arresto sia per aver violato l’obbligo di soggiorno nel Comune di Cellara che per non aver ottemperato a quello di firma alla Comando Stazione di Mangone, nonché denunciato anche per il possesso non giustificato del telefono cellulare rinvenuto, sottoposto a sequestro.

Associato agli arresti domiciliari, a conclusione dell’udienza direttissima tenuta stamane l’arresto operato è stato convalidato e nei confronti dell’uomo sono state ripristinate le misure in atto.




174 visualizzazioni0 commenti
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)