Corigliano Rossano, omicidio colposo: accusa archiviata per 7 medici

Decisione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Castrovillari



CORIGLIANO ROSSANO – 19 feb. 22 - Archiviata la vicenda giudiziaria che vedeva indagati sette medici dell'ospedale Giannettasio di Rossano. La decisione è del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari. A seguito dell'incidente probatorio, il Gip ha archiviato definitivamente la posizione dei sette medici dell’ospedale di Rossano, che dovevano rispondere della grave accusa di omicidio colposo. I fatti riguardavano il decesso di una donna, avvenuto nel mese di dicembre del 2017. “Corretta e conforme alle linee guida – si legge agli atti - fu la condotta di tutti i sanitari coinvolti nella assistenza alla signora R.B. in occasione del ricovero dal 1 dicembre 2017 al 2 dicembre dello stesso anno, presso l’ospedale di Rossano”.


Secondo la motivazione, i sette medici indagati: “posero in essere il corretto iter clinico, diagnostico e terapeutico”. Questa, agli atti, è la conclusione alla quale sono giunti i consulenti tecnici d’ufficio del Giudice per le indagini preliminari. La signora R.B., pertanto, è deceduta a causa di una insufficienza cardiocircolatoria acuta, che, secondo i consulenti tecnici e, quindi, secondo il tribunale “non è imputabile alla condotta dei sanitari che la ebbero in cura. Nessuna responsabilità penale, quindi, per i sette medici indagati”. Il collegio difensivo era composto, fra gli altri, dagli avvocati: Fausto Alberti, del Foro di Spoleto, e dagli avvocati Maximilian Alberti, Francesco Russo, Antonello Urso, Leonardo Celeste, Fanny Carmela Malomo, tutti questi ultimi del Foro di Castrovillari, che unitamente ai propri assistiti si ritengono soddisfatti.



74 visualizzazioni0 commenti