top of page

Vertice sulla strada di collegamento Scalea-Mormanno

Nei giorni scorsi un incontro operativo nella sala polifunzionale del comune di Scalea



SCALEA – 19 mag. 21 - Nei giorni scorsi si è svolto a Scalea un incontro promosso dal Collegio dei presidenti dei consigli comunali della Riviera dei Cedri per fare il punto della situazione sulla realizzazione della strada Scalea-Mormanno. «Si tratta di un’opera di cui si parla da tanto tempo e che, nell’immaginario collettivo, rischia di essere un’altra incompiuta – ha spiegato il presidente del consiglio comunale di Scalea, Gaetano Bruno – di cui il territorio farebbe volentieri a meno. La lungimiranza nella progettazione necessita ora di un concreto slancio verso la ripresa e l’ultimazione dei lavori con il superamento dello stallo nei pressi del sottopasso ferroviario e un nuovo impulso per un secondo tratto che unisca definitivamente il mare e la montagna, soprattutto garantendo uno sbocco diretto all’autostrada A3».



All’incontro erano presenti i sindaci di Scalea Giacomo Perrotta e di Mormanno Giuseppe Regina; il sindaco di Papasidero Fiorenzo Conte e il vicesindaco Mario Marsiglia; il sindaco di Verbicaro Francesco Silvestri; il presidente del consiglio del comune di Diamante Francesco Bartalotta; il presidente del consorzio di bonifica dei Bacini del Tirreno Antonio Miceli; il consigliere regionale Antonio De Caprio; e il presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci, oltre a diversi tecnici dei vari comuni e all’ingegnere Claudio Le Piane della Provincia di Cosenza. Era stato proprio il coordinatore del collegio dei presidenti dei consigli comunali della Riviera dei Cedri, Gaetano Bruno, a sollecitare un vertice per confrontarsi sulla situazione attuale della Scalea-Mormanno. Secondo quanto si afferma in un documento: dagli interventi del consigliere regionale Antonio De Caprio e del presidente della Provincia Franco Iacucci sono emerse due certezze: “la prima, è che il recovery fund non prevede fondi per interventi su infrastrutture viarie; motivo per il quale bisognerà trovare altre forme di finanziamento; la seconda, è che RFI è ormai prossima a procedere all’inizio dei lavori per il sottopasso ferroviario che andrebbero a concludere gli interventi del primo lotto”.



La Scalea Mormanno, comunque, secondo Iacucci è nell'agenda di altri incontri alla Regione con il presidente facente funzioni Spirlì. Esiste un progetto per unire il primo lotto della Scalea-Mormanno con l’attuale strada di collegamento tra Santa Domenica Talao e Papasidero. Il sindaco di Papasidero Fiorenzo Conte ha indicato in Anas un potenziale interlocutore per il restante tratto che andrebbe a concludere il collegamento tra la frazione di Nemoli e Mormanno.

La riunione si è chiusa con la decisione di istituire un tavolo tecnico tra Provincia, Consorzio di Bonifica e i comuni di Scalea, Papasidero, Santa Domenica Talao e Mormanno con l’obiettivo di perseguire questa soluzione e portare un progetto preliminare in Regione che preveda anche l’ammodernamento della bretella di collegamento tra San Nicola Arcella e Santa Domenica Talao. Lavorando quindi su strade esistenti si potrebbero contenere i costi e limitare l’impatto ambientale.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page