top of page

Verbicaro, fondi non utilizzati: il comune restituisce 25mila euro

Un finanziamento della presidenza del consiglio dei ministri per i comuni montani, fondo integrativo



VERBICARO – 13 apr. 23 - Il comune dovrà restituire alla presidenza del Consiglio dei ministri la somma di 25.000 euro, mediante bonifico bancario, relativa al Fondo nazionale integrativo per i comuni montani, per l'annualità 2014-2017. Si tratta di un finanziamento concesso al comune. Immediata la reazione del consigliere di opposizione Felice Amoroso che ha evidenziato quanto accaduto. “Siamo arrivati al paradosso – scrive il consigliere Amoroso - il comune di Verbicaro con determina dell’ufficio tecnico n. 67/2023 ha dovuto restituire alla presidenza del Consiglio dei ministri la somma di 25.000 euro, per non aver presentato la rendicontazione di un progetto riguardante il fondo integrativo per i comuni montani, bando risalente al 2017; il comune di Verbicaro ha dovuto restituire tale somma tramite un bonifico bancario motivando “che non è stato possibile predisporre per tempo un progetto per l’affidamento di cui all’oggetto, causa Covid e per carenza personale dell’ufficio tecnico”.



Nella determina si fa riferimento, infatti, al decreto del capo del dipartimento per gli affari regionali e le autonomie della presidenza del Consiglio dei ministri, datato 21 aprile 2017, che approvava l'avviso pubblico relativo al Fondo integrativo per i comuni montani e destinati ad esercizi commerciali che avrebbero avuto la possibilità di beneficiare dei contributi per il commercio al dettaglio di esercizi non specializzati e per il commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati. Per la buona definizione del progetto sarebbe stato necessario rispettare i termini riportati, pena la perdita del finanziamento. “L'erogazione del finanziamento – si legge agli atti - è avvenuta entro la data dell'11 luglio 2019; le spese dovevano essere effettuate, per i progetti annuali, entro il 10 luglio 2021 e le rendicontazioni finali trasmesse entro sessanta giorni dalla conclusione del progetto. Non è stato possibile predisporre per tempo un progetto/servizi – si legge - per l’affidamento di cui all'oggetto, causa Covid-19 e per carenza personale dell'ufficio tecnico”. La presidenza del consiglio dei ministri, ha quindi richiesto la restituzione del finanziamento assegnato. Il consigliere di opposizione Amoroso probabilmente si riserverà di intervenire nelle sedi opportune per evidenziare quanto accaduto.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page