top of page

Tassa di soggiorno a Rende: sì, ma con un piano concreto per il turismo e la città

L'introduzione della tassa di soggiorno a Rende scatena il dibattito. Serve un piano di rilancio per il turismo


Tassa di soggiorno a Rende: sì, ma con un piano concreto per il turismo e la città

Rende 13 maggio 2024 - L'introduzione della tassa di soggiorno a Rende, a partire dal 1° giugno, ha acceso il dibattito tra gli operatori turistici. Se da un lato la tassa viene vista come uno strumento per reperire risorse da destinare al miglioramento dei servizi, dall'altro si teme che possa penalizzare il settore turistico, già alle prese con diverse criticità.

Manca un piano turistico e i servizi brillano per la loro assenza

Le critiche principali si concentrano sulla mancanza di servizi essenziali per il turismo e l'accoglienza a Rende. Francesco Maria Gentile, Delegato Calabria dell'Associazione Direttori Albergo Italia, sottolinea: "Non solo manca un piano turistico degno di questo nome, ma la città è carente di servizi basilari per i turisti. I siti storici sono spesso malmessi e privi di adeguata cartellonistica informativa, i collegamenti pubblici sono insufficienti e poco frequenti, e la segnaletica turistica è praticamente inesistente".

Un'imposta calmierata e un piano per la ripresa a 360 gradi

Per scongiurare questo scenario e dare nuovo slancio alla città, è necessario un piano di rilancio a 360 gradi che includa, oltre al turismo, anche la riqualificazione delle strade e dei servizi.

Un piano per il turismo ambizioso e concreto

Come già proposto in precedenza, un piano di sviluppo turistico efficace dovrebbe prevedere:

  • Miglioramento dei servizi: manutenzione dei siti storici, potenziamento dei collegamenti pubblici, segnaletica turistica efficiente, incremento dei servizi di informazione e accoglienza.

  • Promozione del territorio: campagne di marketing mirate sui canali online e offline, partecipazione a fiere del turismo, sviluppo di prodotti turistici tematici.

  • Formazione degli operatori: corsi di aggiornamento per il personale delle strutture ricettive, focus sull'accoglienza e sull'ospitalità.

Riqualificazione delle strade e dei servizi per una città più vivibile

Oltre al turismo, il piano di rilancio dovrebbe dedicare particolare attenzione alla riqualificazione delle strade e dei servizi, per rendere Rende una città più vivibile e attrattiva per cittadini e turisti. Tra gli interventi necessari:

  • Manutenzione straordinaria del manto stradale: rifacimento delle strade dissestate, eliminazione di buche e avvallamenti, messa in sicurezza dei passaggi pedonali.

  • Cura del verde pubblico: manutenzione di parchi e giardini, piantumazione di nuovi alberi, realizzazione di aree verdi attrezzate.

  • Miglioramento della raccolta differenziata: aumento dei punti di raccolta, campagne di sensibilizzazione per il corretto conferimento dei rifiuti, implementazione di sistemi di raccolta più efficienti.

Un impegno condiviso per il futuro di Rende

L'introduzione della tassa di soggiorno a Rende può rappresentare un'opportunità per dare nuova vita alla città, se inserita in un piano di rilancio ambizioso e concreto che coinvolga tutti gli attori in gioco: cittadini, operatori turistici, associazioni di categoria e amministrazione comunale. Un impegno condiviso per costruire un futuro migliore per Rende, una città più vivibile, accogliente e attrattiva per tutti.


🔵 segui le notizie sul canale whatsapp di miocomune ➡️

תגובות


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page