top of page

Sequestro di terreni e immobili per 2,5 milioni nel catanzarese

Sequestro di terreni e immobili per 2,5 milioni nel catanzarese, attività della Dia e guardia di finanza nell'ambito dell'operazione Orthrus


Sequestro di terreni e immobili per 2,5 milioni nel catanzarese, attività della Dia e guardia di finanza nell'ambito dell'operazione Orthrus

🔵 segui le notizie sul canale whatsapp di miocomune ➡️


Catanzaro, 22 febbraio 2024 - Il personale del Centro Operativo Dia di Catanzaro e i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, hanno dato esecuzione al decreto con il quale il Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro e della Dia, ha disposto nel catanzarese il sequestro di prevenzione di terreni, immobili e società, per un valore complessivo di oltre 2,5 milioni di euro nonché disponibilità finanziarie superiori a 3.000 euro riconducibili a due soggetti socialmente pericolosi in quanto indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso.


L'indagine Orthrus

I prevenuti, coinvolti nell’indagine “Orthrus” e sottoposti nel 2019 a misure cautelari personali, in quanto ritenuti partecipi alla cosca di ‘ndrangheta “Iozzo-Chiefari” attiva a Torre di Ruggiero (CZ) e Chiaravalle Centrale (CZ), collegata alla più potente cosca “Gallace” di Guardavalle (CZ), pur essendo stati assolti (non in via definitiva) all’esito del processo di primo grado, sono risultati intrattenere rapporti con esponenti di vertice di cosche vibonesi e frequentazioni assidue con pregiudicati, espressive di persistente appartenenza a contesti mafiosi.

All’esito degli accertamenti patrimoniali e reddituali, condotti dagli specialisti del Centro Operativo D.I.A. di Catanzaro e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria/Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza, è stata dimostrata una evidente sperequazione tra i beni posseduti, anche per interposta persona, e i redditi dichiarati dagli interessati e dai nuclei familiari di appartenenza, circostanza che lascia verosimilmente presumere che le ingenti proprietà, site nei comuni di Torre di Ruggiero, Montepaone, Chiaravalle Centrale, Cardinale e Gagliato, siano state acquistate con i proventi di attività delittuose.


Il sequestro assume un valore anche “sociale”, poiché consente di restituire alla collettività le ricchezze accumulate nel tempo dalla criminalità organizzata.

Il Tribunale di Catanzaro ha fissato per il 15 aprile 2024 l’udienza per la comparizione delle parti e la discussione per la proposta di applicazione delle misure di prevenzione personali e patrimoniali nei confronti dei due soggetti.

Commentaires


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page