Ospedale Praia a Mare: sul Bur della Regione si recepisce il "Decreto Sciabica"

Esultano il sindaco Praticò e l'amministrazione comunale di Praia a Mare. i cittadini restano scettici



PRAIA A MARE – 13 mag. 22 - Un nuovo annuncio sull'ospedale di Praia a Mare. E' il sindaco Antonio Praticò a pubblicarlo sullo spazio social del comune sede del nosocomio. La questione ospedale, da un po' di tempo, viene presa con cautela dai cittadini dell'alto Tirreno cosentino. Più volte la struttura è stata “inaugurata”; più volte è stata aperta. Lo stesso governatore calabrese, Occhiuto, in un recente intervento sui social la dava per aperta e funzionante. E' chiaro che bisogna capire, e questo chiedono i cittadini, qual è la reale funzione della struttura ospedaliera e su quali attività i cittadini potranno fare affidamento. Da tempo, e dovrebbe essere questa la giusta direzione, si rimettono sul tavolo le ormai famose sentenze del Consiglio di Stato che riattiverebbero la struttura sanitaria anche con pronto soccorso. E, come è noto, la stessa amministrazione comunale di Praia a Mare, recentemente ha dato mandato all'avvocato Francesco Cristiani di seguire la vicenda ed eventualmente di chiedere risarcimento, in caso di mancata ottemperanza o di danni provocati ai cittadini. Ieri, sullo spazio social del comune è apparso un nuovo comunicato nel quale si annuncia: “Il sindaco Antonio Praticò e l'amministrazione comunale, hanno portato a conclusione una grande battaglia, dopo 12 anni di sofferenze, da quando venne disposta la chiusura dell'ospedale di Praia a Mare.



Oggi è un giorno speciale per Praia a Mare, per Tortora e per tutto il nostro territorio – si legge nella nota - l'ospedale di Praia a Mare avrà finalmente la sua seconda vita. Abbiamo ottenuto quello in cui abbiamo creduto”. In pratica, secondo quanto affermato dall'amministrazione comunale verrà interamente recito il cosiddetto decreto Sciabica. Quindi l'ospedale dovrebbe tornare pienamente in funzione così come stabilito dalle sentenze. Ovviamente, come sostengono da tempo i cittadini, visto che sulla struttura sanitaria si è detto e fatto di tutto, anche questa volta per poter credere a quanto affermato è necessario che l'ospedale diventi tale e che, magari si evitino nuove inaugurazioni, prima che tutto ciò si verifichi. Eventualmente si potrà festeggiare anche a cose fatte. Intanto, nella nota diffusa ieri, si legge ancora: “La perseveranza, la nobiltà e la meritevolezza della causa per la quale abbiamo combattuto – scrivono il sindaco e l'amministrazione - ci hanno ampiamente ripagati, sebbene dopo molti anni, del lavoro svolto e delle tante critiche che spesso ci sono state rivolte. Dopo anni di battaglie legali, finalmente possiamo dire che Praia e Tortora hanno vinto. All'indomani dell'ennesima sentenza pronunciata dal Consiglio di Stato in senso favorevole ai Comuni di Praia a Mare e Tortora e a seguito delle diffide inviate alle amministrazioni competenti a dare ottemperanza a quanto stabilito dalla magistratura amministrativa, la Regione Calabria ha rimesso al Bur il Decreto con il quale viene integralmente recepito il cosiddetto Decreto Sciabica. Un ringraziamento particolare – conclude la nota - lo rivolgiamo al presidente Roberto Occhiuto, il quale ha mantenuto le promesse rivolte a tutti i cittadini calabresi facendo, in tempi rapidi, quanto di sua competenza in osservanza dei provvedimenti giudiziari”.



350 visualizzazioni0 commenti