top of page

Grisolia, il sindaco Bellusci revoca le deleghe alla consigliera Marino. "Venuta meno la fiducia”

Grisolia, decisione del sindaco Bellusci che revoca le deleghe alla consigliera comunale Marino. Nel decreto: "è venuta meno la fiducia"


Grisolia, decisione del sindaco Bellusci che revoca le deleghe alla consigliera comunale Marino. Nel decreto: "è venuta meno la fiducia"


GRISOLIA – 4 ott. 23 - Il sindaco di Grisolia, Saverio Bellusci, con proprio decreto, ha ufficializzato la revoca delle deleghe attribuite alla consigliera Anna Valentina Marino. Benchè non avesse mai dichiarato di essere passata all'opposizione, gli atteggiamenti degli ultimi mesi, sembrano invece aver dato questa impressione in più di un episodio. Da qui, quindi, la revoca nei settori dei servizi sociali, politiche giovanili, rapporti con associazioni ed enti sovracomunali e turismo. “La revoca – si legge - ha efficacia immediata e, pertanto, fino alla nomina di un nuovo consigliere, da disporsi con apposito separato atto, le attività politico-amministrative inerenti le deleghe sopra descritte fanno capo al sindaco”. Nel decreto, il sindaco Bellusci, evidenzia che “per giurisprudenza costante l’atto di nomina è fondato sulla discrezionalità del sindaco di scegliere e attribuire le deleghe ai consiglieri comunali a suo insindacabile giudizio.



L'assenza di criteri normativamente predeterminati per la scelta delle deleghe ai consiglieri comunali sottolinea il carattere pienamente fiduciario di tale scelta, non essendo previsti specifici requisiti per l’attribuzione delle deleghe”. Per la consigliera Marino: “tale scelta si coniuga con l'importanza e l’urgenza di garantire al sindaco la possibilità di perseguire con piena efficienza ed operatività il programma politico sulla base del quale ha ottenuto l’investitura popolare e di assicurare la coesione e l’unità di indirizzo”. E' venuta meno la fiducia. E si legge: “il venir meno della “fiducia” sulla idoneità del nominato a rappresentare coerentemente gli indirizzi del Sindaco delegante ed a perseguirne gli obiettivi programmatici non è, in ogni caso, da intendersi riferita a qualsivoglia genere di valutazioni afferenti a qualità personali o professionali, ne è da intendersi sanzionatorio ma, piuttosto, meramente finalizzato a salvaguardare la serena prosecuzione del mandato amministrativo che tende a tutelare l'interesse della collettività rappresentata per le comuni esigenze di trasparenza, imparzialità e buon andamento”.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page