Elezioni a Belvedere: gli obiettivi delle tre liste in competizione

Resi noti i programmi ufficiali delle tre liste in competizione a Belvedere Marittimo



BELVEDERE – 18 mag. 22 - Resi noti i programmi elettorali delle tre liste in competizione a Belvedere Marittimo per le elezioni amministrative del 12 giugno. La lista n.1, “Progetto Belvedere” con candidato alla carica di sindaco, Vincenzo Cascini, afferma: "In politica ciò che conta più di tutto è il tempo. Il tempo dell'azione, dell'impegno, dell'ascolto, delle scelte e "Progetto Belvedere" è tutto questo. Nato dall'incontro di figure professionali di estrazione politica diversa che hanno inteso porsi al servizio della propria comunità e confluire, al di là e oltre le proprie anime partitiche, in un grande "progetto" di rinascita, che mira e intende disegnare il nuovo volto di Belvedere. Un incontro essenziale in termini di idee, proposte, competenze e azioni concrete a sostegno della candidatura a sindaco di Vincenzo Cascini – si legge - , figura di primo piano della nostra comunità per spessore umano, professionale, disponibilità e determinante per avviare quel processo di crescita e di sviluppo che il nostro paese attende”.



La lista n.2, “Impegno comune” con candidato a sindaco Ugo Massimilla punta il programma sul motto “La sfida più grande”. Si legge: “Impegno comune, sin da subito, lavorerà per creare le condizioni necessarie alla conclusione della procedura straordinaria di liquidazione del Comune, funzionale a restituire la totale autonomia gestionale in capo al governo locale. Solo a conclusione di tale procedimento, ad esempio, si potrà attuare la riduzione, equa e proporzionata, dei tributi locali. I cittadini sono consapevoli del fatto che l’ente dissestato, contestualmente alla deliberazione dell’ipotesi di bilancio, tra l’altro, deve deliberare ai livelli massimi di legge le tariffe relative ai tributi (imposte, tasse, oneri di urbanizzazione e canoni o diritti) e ai canoni patrimoniali.

Ecco il maggior danno prodotto da chi ancora si candida e ritiene di continuare a gestire il Comune. Necessitano pertanto capacità e competenze progettuali finalizzate ad attingere a nuove risorse economiche per finanziare un programma complessivo, fortemente innovativo, che consenta di superare l'austerità di bilancio”.



E la lista n. 3, “Uniti per Belvedere” con candidata a sindaco Maria Rachele Filicetti, nella premessa del programma si rivolge ai cittadini ricordando che la capolista “è una donna”: “Dopo dieci mesi – si legge - abbiamo l'opportunità di ridare al nostro amato paese un governo politico.

L'Amministrazione che sceglieremo dovrà riprendere le redini di una comunità che ha conosciuto un periodo di arresto, nella sua crescita socio-economica, senza eguali. Non si può non riconoscere al commissario prefettizio il merito di aver guidato l'ente con competenza, tuttavia, le scelte politiche della precedente compagine hanno avuto degli effetti devastanti che sono sotto gli occhi di noi tutti. Il dissesto, scelta opinabile ed evitabile, ha implicato una serie di conseguenze che dovranno essere gestite con perizia”.



160 visualizzazioni0 commenti