top of page

Due omicidi a Corigliano Rossano, Di Cicco e Sacchetti. Tre arresti dei carabinieri del Ros

Due omicidi a Corigliano Rossano, Di Cicco e Sacchetti, tre arresti dei carabinieri del Ros. Le indagini conducono anche nel crotonese




CORIGLIANO ROSSANO - 16 ott. 23 - I carabinieri del raggruppamento operativo speciale e del comando provinciale di Cosenza, supportati da personale del comando provinciale di Crotone, hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip del Tribunale di Catanzaro, su richiesta del procura della Repubblica, direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, nei confronti di 3 indagati, per due casi di omicidio: quello di Salvatore Di Cicco, commesso l'1 settembre 2001, e di Andrea Sacchetti, commesso il 6 febbraio 2001.



Le misure cautelari sono intervenute a seguito degli approfondimenti investigativi, delegati ai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Cosenza, che hanno consentito di riscontrare recenti fonti dichiarative relative ai fatti omicidiari, maturati nel contesto degli equilibri tra cosche di ‘ndrangheta, all’epoca operanti nel territorio di Rossano e Corigliano, ricostruendo, a livello indiziario e cautelare la dinamica e la causale dei due omicidi.


In particolare, relativamente all’omicidio di Salvatore Di Cicco, scomparso da Sibari l’1 settembre del 2001, senza lasciare alcuna traccia, è stato ricostruito il movente, maturato nel contesto mafioso delle sibaritide, in un sistema di alleanze tra sodalizi operanti sull’area ionica cosentina, con l’avallo dell’articolazione di ‘ndrangheta di Cirò, il cosiddetto “Crimine di Cirò” diretto all’epoca dall’egemone cosca Farao-Marincola. L’omicidio si sarebbe consumato, nella stessa data della scomparsa, a Crucoli (KR), dove l’uomo era stato condotto con un pretesto, quindi attinto con colpi di arma da fuoco con il successivo occultamento del corpo.



Con riferimento all’omicidio di Andrea Sacchetti, scomparso dal comune di Rossano il 6 febbraio del 2001, senza lasciare tracce, è stata ricostruita la causale da ricondurre al controllo del commercio delle sostanze stupefacenti da parte della consorteria egemone sul territorio. Anche in questo caso l’omicidio si sarebbe consumato, nella stessa data della scomparsa, all’interno di un’azienda agricola del luogo, ove il giovane era stato condotto con un pretesto e poi attinto con colpi di arma da fuoco, con il successivo occultamento del cadavere.





Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page