Diamante, campo sportivo e lungomare: sostituite le due ditte appaltatrici

Gli uffici comunali hanno sostituito la ditta che effettua i lavori al campo sportivo, perché coinvolta nell'inchiesta Archimede e quella impegnata sul lungomare perché inadempiente con l'avvio del cantiere



DIAMANTE – 17 nov. 21 - Sostituita l'impresa consorziata per l'esecuzione dei lavori di ammodernamento e completamento della struttura sportiva polifunzionale di Diamante. L'impianto comunale dedicato ai fratelli Oliva è in località Praino. I lavori programmati fanno riferimento ad un importo complessivo di un milione e 670mila euro. Si è reso necessario il cambio dell'impresa esecutrice, in seguito all'attività di indagine denominata “Archimede” e, per come si legge agli atti del comune di Diamante, per “l’intervenuta applicazione di misure cautelari personali a carico di Pasqualino De Summa Pasqualino, legale rappresentante e direttore tecnico della società De Summa S.r.l., impresa consorziata esecutrice per conto del consorzio Artek dell’appalto dei lavori”. Gli uffici comunali hanno richiesto alla direzione lavori una dettagliata relazione sull’avanzamento dell'opera, fra l'altro, molto attesa dai diamantesi. Lo scorso 4 ottobre, inoltre, gli uffici comunali hanno richiesto al consorzio Artek di comunicare entro 7 giorni il nominativo della ditta subentrante con la relativa attestazione dei requisiti.


Il 18 ottobre si è svolto anche un incontro nel cantiere per procede alla ripresa dei lavori L'organismo di vigilanza del 5 ottobre scorso ha deliberato l’assegnazione alla Ccnsorziata Arcana Srl per l’esecuzione ed il completamento dei lavori di “Ammodernamento e completamento della struttura sportiva polifunzionale in località Praino.

Anche in riferimento all'appalto dei lavori di "Messa in sicurezza dell'abitato di Diamante dagli allagamenti mediante lavori di ristrutturazione del muro paraonde del lungomare di corso Vittorio Emanuele", ci sono delle determinazioni degli uffici comunali. E' stata esclusa dalla procedura, con conseguente revoca dell'aggiudicazione non efficace, il raggruppamento temporaneo di professionisti. Il comune evidenzia che “nulla è dovuto all' Rtp in quanto i lavori consegnati in data 18 ottobre non sono concretamente iniziati e non sono presenti apprestamenti di cantiere nelle aree interessate dai lavori”. E' stato quindi annullato il verbale di consegna dei lavori e si è proceduto allo scorrimento della graduatoria interpellando la seconda classificata alla gara, un'impresa di Quattromiglia di Rende.



827 visualizzazioni0 commenti