Diamante, c'è un indagato di Praia a Mare per i fatti accaduti a Cirella

L'uomo, alla guida dell'automobile che avrebbe investito Salvatore Ponte, avrebbe fornito la sua versione dei fatti



DIAMANTE – 3 nov. 21 - Potrebbe essere destinatario di un provvedimento di fermo con un capo di imputazione provvisorio per tentato omicidio. È di Praia a Mare, l'uomo che era alla guida dell'auto che avrebbe investito Salvatore Ponte, 45 anni di Belvedere Marittimo. Quest'ultimo, ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale dell'Annunziata di Cosenza, lotta tra la vita e la morte.

I fatti, come è noto, sono avvenuti domenica pomeriggio, a Cirella, frazione di Diamante, sul Tirreno cosentino, in un parcheggio nei pressi di un noto ristorante. La discussione sarebbe nata per un motivo futile, forse una retromarcia e due auto che si sarebbero toccate. Le fasi successive, invece, sono al vaglio degli investigatori. Pare che ci siano diverse versioni e, in effetti, bisognerà capire se nel luogo della discussione vi siano telecamere di videosorveglianza che potrebbero rivelarsi utili a dipanare la matassa o quantomeno a porre dei punti fermi nella sequenza dei fatti.


Intanto, da indiscrezioni, si apprende che F.D., di Praia a Mare, si sarebbe presentato alle forze dell'ordine per fornire la propria versione dei fatti. La Procura di Paola proprio in queste ore potrebbe prendere delle decisioni su eventuali misure cautelari, in attesa di chiarire tutto l'accaduto. Quel che è certo è che in una domenica tranquilla di relax, si è incrociato il destino di due famiglie di professionisti e lavoratori che probabilmente non avrebbero mai pensato che si potesse arrivare ad un epilogo così tragico. Fra l'altro, da quanto si è appreso, pare che, successivamente, la discussione fra le persone presenti abbia assunto il carattere di una rissa coinvolgendo altri, per questioni che nulla avevano a che fare con il fatto di cronaca.

Una possibile ricostruzione dei fatti porterebbe a pensare che la discussione in quel parcheggio si sia allargata ai componenti delle due famiglie; forse qualche parola di troppo potrebbe aver alzato il livello del diverbio. La persona alla guida dell'auto avrebbe innestato la marcia, forse per allontanarsi investendo in modo grave Salvatore Ponte che ha riportato un serio trauma cranico. C'è anche da chiarire la situazione del fratello, Giuseppe Ponte, 40 anni, anch'egli di Belvedere Marittimo che sarebbe stato colpito in modo serio ad un occhio, tant'è che è stato disposto il trasferimento all'ospedale di Catanzaro. Nelle prossime ore si potrebbe avere un quadro più completo della vicenda; intanto, sulla costa tirrenica si tengono le dita incrociate e si prega per la salvezza di Salvatore Ponte.



5.975 visualizzazioni0 commenti