Corigliano Rossano, a bere birra seduti al tavolino. Sanzioni al titolare della pizzeria

I carabinieri stanno anche identificando i clienti seduti al tavolino in contrasto alle norme anti covid, fra l'altro, nella città più colpita dal coronavirus. Sanzionato il titolare: disposta la sospensione della licenza


CORIGLIANO ROSSANO – 13 apr. 21 – I carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro, coordinati dal capitano Cesare Calascibetta, hanno sospeso l’attività di una pizzeria rosticceria che somministrava alcolici a diversi avventori, in violazione di tutte le disposizioni vigenti in tema di contenimento del Covid-19. I militari della sezione radiomobile di Corigliano Calabro nella serata di domenica, nel transitare nella piazzetta Portofino della frazione marinara di Schiavonea, hanno individuato un assembramento di persone davanti ad un esercizio commerciale. Circa una decina di cittadini stavano sorseggiando delle birre, appena acquistate da una pizzeria rosticceria.



In quel momento, l'attività commerciale, avrebbe potuto effettuare solo consegne a domicilio. Gli avventori nel vedere la gazzella dei carabinieri hanno cercato di disperdersi velocemente nelle vie limitrofe, lasciando le bottiglie di birra sul posto. I militari hanno effettuato il controllo sul posto, identificando subito il titolare dell’esercizio commerciale, a cui sono state contestate le violazioni per l’apertura del locale oltre l’orario consentito, la somministrazione e consumazione di bevande da parte di clienti nei pressi del suo locale.

Le persone fuggite, che erano intente, senza alcun distanziamento, a bere allegramente, verranno identificate e sanzionate, anche grazie all’ausilio delle telecamere di videosorveglianza sul posto.

Per il titolare, invece, oltre alle sanzioni pecuniarie previste, è scattata anche quella accessoria della sospensione dell’esercizio commerciale, in attesa che la Prefettura di Cosenza decida sul periodo di chiusura dell’attività.



80 visualizzazioni0 commenti