Buoni spesa anche per i tributi: polemica l'opposizione di S. Domenica Talao

Santa Domenica Talao, la destinazione dei buoni spesa per il Covid diventa oggetto di polemica. L'opposizione chiede di rivedere gli atti prodotti



SANTA DOMENICA TALAO – 14 dic. 21 - Buoni spesa anche per saldare i debiti dei cittadini con il comune. E' la denuncia del gruppo di opposizione “Liberamente” a Santa Domenica Talao. Il capogruppo, Angelo Salvatore Paolino scrive, anche a nome dei consiglieri Vincenzo Lentino e Alessandro Vignieri. “Avendo preso atto della pubblicazione del bando per l'assegnazione dei buoni spesa alimentari e che, lo stesso, prevede l'assegnazione degli stessi per pagare debiti di tributi e tasse – si legge nella nota - con la presente, trovando incomprensibile come si possa dare la priorità alle tasse piuttosto che ai bisogni alimentari, richiediamo l'immediata revoca del bando”.


Il gruppo di opposizione chiede un nuovo bando che elimini il termine inserito "prioritariamente" riferito, proprio, al versamento di quanto dovuto dai cittadini per tasse e tributi emessi dall'ente. L'opposizione sarebbe tollerante, “se proprio si volesse fare” per un 90% da assegnare per buoni spesa ed il restante 10% da decurtare per tributi e tasse. “Quello che lo Stato ci dà – si legge ancora - non può servire per coprire i danni della cattiva amministrazione dei conti comunali da voi perpetrata da anni”. Il capogruppo Angelo Salvatore Paolino, ha poi diffuso un proprio commento: “Quanto avete fatto – scrive - è ingiusto, è discriminatorio. I soldi lo Stato li ha dati prioritariamente per cibo e bollette non per tributi e tasse. Voi, vi riprendete i soldi che lo Stato ha dato ai cittadini, per aggiustare i conti del bilancio”. Secondo il capogruppo dell'opposizione si tratta di “pura insensibilità”.



244 visualizzazioni0 commenti