top of page
  • Bonifati

Bonifati, sul lungomare di Cittadella, nulla è cambiato dopo l'accoltellamento

Il circolo "Città di Fella" interviene sulla situazione dell'ordine pubblico e invia anche un esposto



BONIFATI – 17 ago. 22 - “Sul lungomare di Cittadella, nulla è cambiato”. E' quanto afferma il circolo culturale “Città di Fella” dopo le vicende dello scorso 4 agosto. E' delle ultime ore anche un esposto del presidente del circolo, Massimo Converso, indirizzato al capo di gabinetto della Prefettura di Cosenza e riguardante la situazione del lungomare della frazione marina di Bonifati “fotografata” nei giorni di Ferragosto: “Questa notte – scrive Converso - fra Parise e Paneduro era possibile trovare 150 macchine parcheggiate (anche in doppia fila...!), e si notavano sull’arenile ben tre “incendi” ed una grossa attrezzatura con casse acustiche e luci per un “rave-party”. Circa alle ore 12.30 un corteo di almeno 70 minori, partendo dalla loro discoteca della Marina, si dirigeva verso le spiagge della stazione con zaini evidentemente carichi di ogni genere di stimolanti della psiche.

Di chi è la regia di tutta questa illegalità?”, chiede Converso che fa sapere di aver avvisato il 112 e di aver notato la situazione descritta mentre controllava il nido di tartarughe in qualità di responsabile del Wwf”.



Il circolo Città di Fella scriveva prima di Ferragosto: “Sul Lungomare gli spavaldi ed i balordi continuano nell’impunità; un contesto di autentica prepotenza da parte di una cinquantina di adolescenti e giovanissimi della cintura metropolitana di Napoli che continuano ad impadronirsi, in particolare fra l'una della notte (cioè dal momento in cui l’unico vigile urbano termina il turno) fino alle cinque del mattino, del tratto di Lungomare e marciapiede che va da Piazza De Gasperi (Statua San Francesco) al lungomare Turati, tratto che ad ore alterne è sede di uno sfrenato inquinamento acustico ed è frequentato di fatto da soli minorenni o giovanissimi nella seconda parte della giornata, preferendo gli adulti e di giovani più sani allontanarsi verso i locali della parte nord del Lungomare. Continuano ogni notte i tornei fraudolenti di calcio-balilla, proseguono i tornei di carte francesi fra bambini e minorenni con tanto di tavoli e sedie, tornei notturni sulla sede stradale di calcio e di giorno sul marciapiedi, gimcane di macchine e moto sul marciapiedi della passeggiata San Francesco. Sfrenati adesso anche con monopattini elettrici (bambini pure sotto i sei anni) e biciclette elettriche a velocità sostenuta in mezzo al passeggio”.