Bonifati, opere non utilizzate: dibattito in consiglio

Interrogazione del consigliere De Brasi e risposta del sindaco Grosso


Il sindaco di Bonifati, Francesco Grosso
Il sindaco di Bonifati, Francesco Grosso

BONIFATI – 27 apr. 21 - Interrogazione del consigliere d'opposizione Gaetano De Brasi, rivolta al sindaco di Bonifati. Il documento fa riferimento al completamento di alcune opere pubbliche ultimate da tempo e mai utilizzate. Tra queste: lo svincolo stradale per Bonifati centro, in località Paneduro. Un opera finanziata dalla Provincia ed iniziata nel 2003 rimasta incompleta per mancanza di finanziamento, tuttora ferma. I lavori sospesi del palazzetto dello sport. I lavori della difesa della costa, sospesi da giugno 2019, in assenza di motivazioni. Il rione IV Novembre, interessato in passato da interventi di recupero e valorizzazione nel quale è ubicato un fabbricato acquistato e recuperato dall’ente comunale per un centro di accoglienza per la realizzazione di un progetto futuro di paese albergo, non utilizzato. L’ex Convento San Francesco, trasformato in una struttura alberghiera che, dopo la rescissione del contratto di fitto con il locatario “risulta abbandonato a se stesso senza che l’attuale amministrazione abbia assunta una nuova iniziativa pubblica per il suo utilizzo”. L’interrogazione termina con un richiesta al sindaco di conoscere come intende procedere per la riqualificazione dei centri storici e del borgo marinaro.



Nell’ultima seduta del Consiglio il sindaco Francesco Grosso ha risposto all’interrogazione del consigliere De Brasi. Lo svincolo di Paneduro, è stato ricordato, è un opera voluta e progettata da vecchia data che ha presentato problemi di progettazione e l’amministrazione provinciale è stata sollecitata al completamento. Sul palazzetto dello sport progettato e finanziato dall’amministrazione provinciale, il sindaco ha ricordato che ha scontato gravissimi errori di progettazione, in merito, la sua amministrazione ha inviato alla Regione Calabria una proposta di finanza di progetto. Per quanto riguarda l’intervento per la difesa della costa Grosso fa sapere che i lavori sono direttamente gestiti dalla Regione Calabria e che la sua amministrazione ha provveduto più volte ad inviare sollecitazioni per la ripresa. Sull’ex Convento San Francesco ha fornito delucidazioni alle criticità solevate da De Brasi evidenziando il fatto che i primi intoppi sono sorti anni addietro causando un complesso contenzioso dovuto al mancato completamento della procedura espropriativa ed al mancato deposito della somma prevista per l’esproprio, contenzioso che al momento è trattato al Consiglio di Stato. Altro contenzioso fa sapere il sindaco, è sorto con l’ex gestore dell’immobile già con la precedente amministrazione comunale. Per l’immobile comunale di IV Novembre sarà avviata una manifestazione d’interesse mentre per il recupero del borgo marinaro l’ente ha già presentato una candidatura per il bando regionale dei borghi storici che pur se non finanziato risulta ammissibile. Durante i lavori del consiglio comunale il consigliere Gaetano De Brasi ha stigmatizzato sul fatto che alla sua interrogazione non è stata fornita risposta scritta.



163 visualizzazioni0 commenti