top of page

Belvedere Marittimo, un piazzale intitolato a Giovanni Grosso Ciponte

Belvedere Marittimo, la Giunta Cascini ha deliberato: un piazzale sarà intitolato a Giovanni Grosso Ciponte


Belvedere Marittimo, la Giunta Cascini ha deliberato: un piazzale sarà intitolato a Giovanni Grosso Ciponte

BELVEDERE – 26 nov. 23 - La giunta comunale di Belvedere Marittimo, con il sindaco Vincenzo Cascini ha deliberato di denominare un nuovo piazzale cittadino intitolato “Largo Giovanni Grosso Ciponte”, medaglia d’onore del Presidente della Repubblica. La documentazione è stata inviata al prefetto di Cosenza per gli adempimenti. La proposta è dell'assessore alla viabilità, Francesca Impieri. Si tratta del “largo” adiacente all’istituto comprensivo “Padre G. Puglisi”. “Giovanni Grosso Ciponte, apprezzato cittadino di Belvedere Marittimo, nacque nella nostra amata cittadina il 1/03/1917 in una famiglia numerosa come tante dell'epoca; 5 fratelli e 3 sorelle. Famiglia orientata al lavoro e al sacrifico. Giovanni dimostrò di voler seguire le orme del padre, operaio cantoniere delle neonate ferrovie di stato (1865).



Dopo la visita di leva e il servizio militare obbligatorio (all'epoca della durata di due anni) fu posto una prima volta in congedo illimitato. Il conflitto mondiale però era alle porte e quindi venne richiamato atte armi il 29/09/1941 con lo scopo di formare il 343esimo Reggimento di fanteria "Forlì". Il reggimento venne costituito il primo novembre del 1941 a Cosenza, nel primi mesi fu assegnato alle dipendenze del XXXI Corpo d'Armata con compiti di difesa costiera in Calabria e poi fu inviato sul fronte e precisamente In Jugoslavia dapprima a Durazzo, poi con compiti di presidio, difesa delle opere stradali e attività di controguerriglia a Korizza, Erseke, Pogradee sotto la Divisione di Fanteria "Arezzo". Catturato dai tedeschi il 09/09/1943 fu detenuto sino al 19/08/1945. In questo periodo, in virtù della sua competenza, in ambito di infrastrutture ferroviarie, le forze armate tedesche lo costrinsero a costruire quelle che furono le infrastrutture di guerra tedesche come ad esemplo parte delle ferrovie che vennero utilizzate per trasferire i prigionieri verso i campi di concentramento. In questo periodo venne coinvolto in numerosi avvenimenti che lo hanno reso eleggibile per le varie onorificenze poi ricevute”.



Comentarii


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page