Barbecue accesi all'Arcomagno: Italia nostra bacchetta l'amministrazione

Caos e mancato avvio della delibera comunale per preservare l'area



SAN NICOLA ARCELLA – 29 giu. 22 - “Questo è il modo in cui viene tutelato l'Arcomagno, uno dei siti marini più importanti della Calabria, completamente affumicato da arrosti di salsicce e quant'altro”. Gli ambientalisti di Italia nostra si rivolgono direttamente al sindaco Madeo: “Siamo ormai in piena estate, luglio è alle porte. A che punto è l'attuazione dell'atto di indirizzo approvato con la delibera della giunta n. 6 del 15 febbraio 2022 per l'affidamento del servizio di vigilanza, bigliettazione e pulizia inerente le visite controllate all'Arcomagno al fine di tutelare questo luogo da episodi del genere che non rappresentano certo un bel biglietto da visita per il nostro territorio? La nostra associazione, Italia Nostra – ricordano - ha sempre sostenuto che questo sito necessitava di rispetto nei comportamenti da parte di tutti, non più bivacchi, non più attendamenti notturni e diurni, non più ombrelloni, non più rifiuti abbandonati, ma visite guidate per piccoli gruppi, controlli, nel rispetto della fragilità ambientale del luogo. Abbiamo quindi apprezzato la decisione del comune di San Nicola Arcella di introdurre una precisa regolamentazione degli accessi, delle modalità delle visite e dei controlli. Considerata la situazione, chiediamo di procedere speditamente per raggiungere gli obiettivi prefissati e per voltare pagina nella gestione sostenibile del nostro territorio le cui bellezze paesaggistiche e naturalistiche devono essere messe al servizio, nella loro tutela, del bene collettivo, preservandole e conservandole nella loro originaria bellezza molto spesso svilita e minacciata”.



421 visualizzazioni0 commenti