top of page

Aviosuperficie di Scalea, la battaglia continua: interviene Ortolani

Aggiornamento: 16 nov 2023

Aviosuperficie di Scalea, la battaglia continua: interviene Ortolani; "l'aeroporto, con difficoltà, è ancora gestito ed aperto a spese di un privato”


Aviosuperficie di Scalea, la battaglia  continua: interviene Ortolani; "l'aeroporto, con difficoltà, è ancora gestito ed aperto a spese di un privato”

SCALEA – 14 nov. 23 - Parla di “disinformazione” Alberto Ortolani in riferimento all'ultima iniziativa del comune di Scalea che ha pubblicato un'ordinanza, a firma del responsabile del settore I del comune Pasquale Latella, nella quale si revoca l'autorizzazione all'esercizio dell'impianto di distribuzione di carburanti per uso pubblico aeromobili dell'aviosuperficie di Scalea. A dimostrazione che la vicenda è complicata. È lo stesso Ortolani a diffondere un testo nel quale riporta la sua versione. E' ovvio che quanto riportato in precedenza è contenuto nell'ordinanza del comune di Scalea. “Il sottoscritto – scrive Alberto Ortolani - è stato fatto decadere da una espressa richiesta del comune; Enac l'ha solo "ratificata", per cui non è una iniziativa di quest'ultima, ma del comune di Scalea, che non vuole "gestire" l'aeroporto a dovere. Per ciò che concerne il rifornimento di carburante, il sottoscritto (imprenditore aeronautico) ha proposto mille soluzioni, anche con il consenso espresso del tribunale, ma è stata l'amministrazione di Scalea che si è rifiutata.



Oggi – precisa ancora Ortolani - l'aeroporto opera secondo un contratto stipulato 17 anni fa, che prevede alcune clausole a cui l'amministrazione non vuole adempiere, perché richiedono trasparenza amministrativa e capacità operative, finora non dimostrate dall'amministrazione”. Infine, l'invito di Ortolani: “a non soffermarsi solo sugli atti amministrativi del comune di Scalea, che sono atti dovuti, risultante di una loro difesa legale, ma di informarsi anche presso l'aeroporto che, con difficoltà, è ancora gestito ed aperto a spese di un privato. Mi auguro – aggiunge Ortolani - che presto il comune di Scalea adempia all'espletamento del dovuto bando pubblico e ci comunichi a chi "fare il passaggio di consegne" secondo Legge e secondo contratto ...me lo auspico per l'interesse della cosa pubblica". Come è noto, nell'ordinanza del comune di Scalea, si legge testualmente: “nonostante l'Enac abbia espressamente notificato revoca della gestione al Sig. Ortolani, quanto all'Aviosuperfcie, il medesimo, tramite altre e diverse società allo stesso riconducibili, continua a detenere illegittimamente le aree dell'Aviosuperficie e nonostante l'emanazione di due ordinanze

sindacali per li rilascio dell'area, non è stato ad oggi possibile ottenere la liberazione della struttura tecnica destinata al traffico aereo”. E' il fulcro della questione ancora aperta sull'aviosuperficie di Scalea che, ricordiamo, è stata realizzata dal “Patto territoriale” dell'alto Tirreno cosentino, i 14 comuni della riviera.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram.jpg

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page