Alto Tirreno, si teme una nuova emergenza rifiuti

Le amministrazioni comunali di Scalea e Diamante chiedono alla Regione Calabria di evitare rallentamenti nei centri di stoccaggio

TIRRENO – 25 giu. 21 Arriva anche l'emergenza rifiuti. Si ripete il copione masochista della regione che dovrebbe mettere al primo posto il turismo. E, lo sanno bene tutte le amministrazioni comunali disseminate lungo le coste, il mare sporco, la carenza idrica, il problema dei rifiuti hanno un impatto negativo su chi sceglie la Calabria per trascorrere un periodo di vacanza. Da Diamante, arriva l'appello del consigliere con delega all'ambiente, Antonio Cauteruccio: “Sperando che la Regione sblocchi stabilmente la situazione si ravvisano già i primi rallentamenti e i blocchi nei conferimenti agli impianti finali di stoccaggio della frazione indifferenziata e residuale. Abbiamo ricevuto tempestiva e precisa comunicazione in merito da parte della ditta Ecoross che da qualche giorno gestisce il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nella nostra città. Potrebbe dunque accadere che, per cause non imputabili al Comune di Diamante o all'appaltatore del servizio di raccolta rifiuti, il servizio di raccolta rifiuti di domani e dei prossimi giorni subirà dei disservizi”.



Da Scalea, l'amministrazione comunale del sindaco Perrotta lancia il suo appello: “Chiediamo con forza alla Regione Calabria di attivarsi per rimuovere qualsiasi causa ostativa al regolare conferimento da parte delle ditte che operano nei vari comuni, per evitare che proprio a ridosso del prossimo fine settimana, nel quale si prevede una prima grande ondata di flussi turistici, le nostre città si presentino immerse da rifiuti. Questa evenienza è da scongiurare nella maniera più assoluta per garantire alle amministrazioni, già alle prese con svariati problemi tra cui la mobilitazione dei lavoratori ex percettori di mobilità ai quali viene confermata la totale solidarietà da parte di questa amministrazione comunale, di poter offrire ai turisti città pulite e pronte ad accoglierli”. Le due amministrazioni comunali invitano i cittadini ad effettuare una corretta raccolta differenziata di fronte a disagi e disservizi improvvisi che erroneamente potrebbero essere imputati all'ente o all'appaltatore.



“Sappiate che ce la stiamo mettendo tutta – scrive il consigliere Cauteruccio da Diamante - e che se ci saranno dei disservizi saranno unicamente legati a questi rallentamenti nel conferimento della frazione indifferenziata/residuale presso i centri di stoccaggio. Ci auguriamo che la Regione Calabria sblocchi definitivamente e stabilmente tale situazione, stiamo facendo mille sforzi e mille sforzi sta facendo l'appaltatore del servizio per regalare alla nostra città un servizio degno della nostra immagine turistica e non vorremmo vedere vanificati tali sforzi per un problema che noi non possiamo affrontare ma che gli enti preposti, a stagione estiva ormai cominciata, devono affrontare e risolvere”. Stessa situazione a Scalea dove il comune scrive: “Quale che sia il problema a monte di questo disservizio come amministrazione, in primo luogo, ci appelliamo al buon senso dei cittadini e li invitiamo, in questo periodo in maniera ancora più accorata, a rispettare il calendario di conferimento e ad evitare abbandono indiscriminato di rifiuti, ma soprattutto a differenziare nella maniera corretta onde evitare di creare rifiuti “non conformi” il cui costo di smaltimento è sensibilmente maggiore. Una particolare richiesta di supporto e condivisione delle buone pratiche lo rivolgiamo agli amministratori dei condomini e dei grandi parchi perché nelle strutture di loro pertinenza si facciano promotori attivi delle informazioni corrette circa il conferimento”.



145 visualizzazioni0 commenti