top of page

Alta velocità: cancellare Praia Tarsia è uno schiaffo alle popolazioni dello Ionio e dell'entroterra

Alta velocità, il sindaco di Corigliano Rossano, Flavio Stasi interviene sulla linea ferroviaria: "cancellare Praia Tarsia è uno schiaffo alle popolazioni dello Ionio e dell'entroterra”


Alta velocità, il sindaco di Corigliano Rossano, Flavio Stasi interviene sulla linea ferroviaria: "cancellare Praia Tarsia è uno schiaffo alle popolazioni dello Ionio e dell'entroterra”

CORIGLIANO ROSSANO - 5 dic. 23 - "La scelta di cancellare il tratto di Alta velocità Praia – Tarsia e trasformarlo in Praia – Paola rappresenta un vergognoso schiaffo alle popolazioni dello Ionio e dell’entroterra, e causerà ulteriori devastazioni ambientali sulla costa tirrenica, già servita da linee veloci. Si tratta di una idea ancor più malsana ed inaccettabile alla luce dei recenti tragici episodi, frutto di una mancata modernizzazione che questa terra attende almeno dal 1945. Ancora una volta il paradigma “Costi/Benefici” utilizzato a fasi alterne e sempre contro i medesimi territori”. E' l'intervento del sindaco di Corigliano Rossano, Flavio Stasi sulla discussione in atto sulla tratta calabrese dell'alta velocità.


"Mi appello al Ministro Salvini - aggiunge - : le strutture ferroviarie e governative rivedano questa scelta inaccettabile e rifinanzino l’unica opera possibile per garantire diritti fondamentali a centinaia di migliaia di cittadini, compresa la città di Corigliano-Rossano. Coerentemente si proceda nella realizzazione della elettrificazione della tratta ionica, del collegamento e cambio di banco nelle stazioni di Corigliano-Rossano e su questi temi invito anche le rappresentanze elette sul nostro territorio ad assumere con urgenza una posizione chiara”.



Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram.jpg

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page