top of page

Aieta, il "commosso" ritorno a casa, l'abbraccio con Cicì e il ringraziamento al suo legale

In un post, l'ex consigliere regionale lancia alcune riflessioni alla luce della decisione del tribunale del Riesame di Catanzaro



CETRARO – 26 gen. 23 – “Torno a casa”. È la frase che apre un post dell'ex consigliere regionale Giuseppe Aieta, che è anche insegnante. Nel suo post, Aieta, commenta dal punto di vista personale l'allontanamento dalla Calabria, ma soprattutto dalla sua abitazione, dai suoi affetti.

“Il Tribunale del Riesame di Catanzaro – scrive - ha annullato tutti i capi di imputazione a me contestati consentendomi di ritornare nella mia casa, nella mia città, dalla mia famiglia e da mio padre e mia madre. Ed anche da Cicì, il mio cagnolino, che aspettava di riabbracciarmi e che mi è mancato da morire.

Ho vissuto questo tempo come un incubo per le accuse che mi venivano rivolte pur consapevole che la mia vita, tutta la mia vita, é stata esattamente il contrario di ciò che mi si addebitava. Ma la cosa drammatica, e davvero insopportabile, è stato pensare che solo uno dei miei amici potesse avere il dubbio. Terribile!

Poi è arrivata quella valanga di solidarietà – racconta Aieta - che mi ha sollevato e mi ha restituito la serenità che in questi casi aiuta molto.



La Giustizia esiste e bisogna avere fiducia: queste sono le parole con le quali il mio avvocato, Vincenzo Adamo, mi ha accompagnato in questo calvario. A lui devo molto, moltissimo, in termini di umanità e di professionalità. Volevo dimettermi anche da consigliere comunale e mi ha “imposto” di non farlo. Lui, raffinatissimo giurista, nei momenti di terribile sgomento è stato fondamentale per me e per la mia famiglia, soprattutto per i miei figli. É stato paziente, sagace, ha saputo placare la mia rabbia ed ha saputo infondermi fiducia.

Ritorno a casa con cicatrici indelebili, un dolore atroce e con la consapevolezza che anche questa volta la Giustizia ha trionfato.

La Giustizia, quella vera, è come il vento, non si ferma con le mani.

Grazie a tutti voi per essermi stati vicino, grazie ad ognuno di voi per aver avuto una parola di conforto e il coraggio di esternare il vostro sentimento. Mi consentirete di citare e ringraziare il Vescovo, Mons. Leonardo Bonanno, che con coraggio estremo mi ha profondamente commosso e risollevato dall’inferno della mente che esiste veramente.



Torno – conclude Aieta - per occuparmi dei miei studenti a cui, con passione ritrovata, stavo introducendo i grandi principi di libertà, uguaglianza, fratellanza contro le torture e a favore dello Stato di Diritto.

Non so se ci sono ancora le condizioni per proseguire l’attività politica; una cosa è certa: la politica è stata la mia vita, la mia infinita passione e l’ho svolta sempre con disciplina e onore. Vedremo, ne parleremo presto. Grazie davvero!”.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram.jpg

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page