Ad Occhiuto piace il tracciato della nuova Statale 106 progettato da Anas

Anche la consigliera regionale di Forza Italia, Pasqualina Straface, sostiene il nuovo tracciato ed esprime soddisfazione per la richiesta di ulteriori finanziamenti



CORIGLIANO ROSSANO – 7 dic. 21 - Il nuovo tracciato della strada Statale 106 Jonica, tra Sibari e Rossano piace al presidente della Regione, Roberto Occhiuto. Ma, a dire il vero, di tracciati ne sono stati ipotizzati diversi. Il presidente Occhiuto, che incontrerà certamente delle opposizioni, ha scelto il nuovo tracciato prospettato da Anas.

E, proprio in base a questo convincimento scrive al ministro delle infrastrutture, al commissario straordinario dell’Anas, al presidente della provincia di Cosenza e ai sindaci di Corigliano Rossano e Cassano, confermando la piena condivisione del progetto. Una strada a quattro corsie con la compatibilità al raddoppio della tratta ferroviaria.

Ma ai vertici chiede anche una integrazione al finanziamento, per circa 350-400 milioni di euro sulla base della stima definitiva in corso di individuazione a seguito delle risultanze dello sviluppo completo della progettazione definitiva. Secondo Occhiuto “il nuovo tracciato individuato comporta una spesa di circa 500 milioni di euro, a fronte di uno stanziamento ad oggi disponibile di 151 milioni di euro”.


L’impatto ambientale sarebbe ridotto rispetto alla vecchia proposta: “il tracciato individuato – fa sapere infatti - sfrutta un corridoio, quello ferroviario, già infrastrutturato, utilizzando la fascia di rispetto ferroviaria pur garantendone il futuro raddoppio, con una altezza, rispetto al suolo, praticamente pari a quella della ferrovia, discostandosene solo in corrispondenza degli abitati di Corigliano Scalo e Rossano Scalo”. Si produce anche una notevole riduzione dei volumi di scavo, per circa 3,5 milioni, annullando il tracciato in galleria, rispetto al precedente megalotto 8. Inoltre, in corrispondenza di Corigliano Scalo e di Rossano Scalo, le ipotesi progettuali individuate prevedono l’utilizzo di infrastrutture “trasparenti”, opportunamente stilizzate, per garantire la piena continuità del territorio attraversato, “anche con la possibilità di utilizzarne le aree sottostanti con la realizzazione di attività commerciali all’aperto e ludico ricreative, senza alterarne la possibilità di sviluppi futuri, anzi resi ancor più possibili dalle diverse interconnessioni della viabilità locale con la nuova infrastruttura attraverso la previsione di diversi svincoli”.

L'INTERVENTO DI PASQUALINA STRAFACE


Sulla presa di posizione di Occhiuto è intervenuta anche la consigliera regionale di Forza Italia, Pasqualina Straface: “La decisione del presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, di chiedere ufficialmente al ministero delle Infrastrutture e all’Anas, con una dettagliata missiva, l’integrazione al finanziamento a copertura dell’intervento della nuova strada statale 106 Sibari-Corigliano Rossano, non può che essere salutata come una svolta storica. Una forte iniziativa istituzionale, - commenta Pasqualina Straface - a dir poco significativa e risolutiva, con la quale il Governatore invoca la celere e definitiva conclusione di un iter atteso da decenni dalle popolazioni calabresi. Da consigliere regionale, e ancor prima da donna che nel proprio percorso istituzionale ha sempre seguito con particolare attenzione tale annosa e delicata vicenda, non posso che esprimere massimo sostegno e condivisione in merito a siffatta proposta, destinata a divenire uno dei punti cardine dell’azione di governo del centrodestra in Calabria”.


E poi Pasqualina Straface,, conferma la soddisfazione anche per le dichiarazioni sul finanziamento: “Bene ha fatto il presidente Occhiuto – scrive Straface - ad imprimere, con tale richiesta, una risolutiva accelerazione sulla questione, optando per il nuovo tracciato prospettato da Anas e scrivendo direttamente agli enti preposti, affermando la piena condivisione al progetto e chiedendo una integrazione al finanziamento per circa 350-400 milioni di euro, sulla base della stima definitiva in corso di individuazione a seguito delle risultanze dello sviluppo completo della progettazione”.

Secondo la consigliera regionale di Forza Italia, l’iniziativa del presidente Occhiuto si coniuga con le istanze della popolazione calabrese, “stanca di vivere sulla propria pelle disagi e rischi di un’arteria stradale che da tanto, troppo tempo attende l’agognato sviluppo nel solco di un armonioso processo, in simbiosi con quelle che sono le vocazioni economiche, sociali e di mobilità della nostra regione e, in particolare, del territorio compreso tra le città di Cassano all’Ionio e di Corigliano-Rossano”. La proposta progettuale, secondo Straface, dimostra la piena sostenibilità dell’investimento, notevolmente ridotto di ben 4 volte, “se rapportato ai costi preventivati per il vecchio Megalotto 8, essendo quest’ultimo un tracciato “collinare”, con una lunga successione di gallerie e viadotti, rispetto al tracciato individuato, che invece si avvicina alla costa, annullando quindi la necessità di ricorrere alle gallerie e minimizzando l’uso dei viadotti allo scavalco delle fiumare ed in corrispondenza delle zone ad elevato rischio idraulico”.

“Da evidenziare – prosegue Straface – il positivo impatto ambientale, decisamente ridotto rispetto alla vecchia proposta, atteso che il tracciato individuato sfrutta un corridoio, quello ferroviario, già infrastrutturato.Una scelta di buon senso - conclude - ed ispirata al pragmatismo del Presidente Occhiuto, capace di soddisfare al meglio l’esigenza di uno sviluppo sostenibile con quella di apportare modernità e infrastrutture senza snaturare i territori e le rispettive vocazioni. Una scelta mirata a dissipare dubbi e ritardi in merito ad un’opera la cui ultimazione è destinata a cambiare le sorti dell’intera regione ed a migliorare in modo tangibile le condizioni di vita dei cittadini calabresi”.



113 visualizzazioni0 commenti