A processo i presunti autori del furto di oggetti in un'auto a Guardia Piemontese

I due, di Vallo della Lucania, sono difesi dall'avvocato di fiducia Leopoldo Catena, del Foro di Salerno


GUARDIA PIEMONTESE – 1 feb. 21 – Furto e danneggiamento sono le accuse alle quali devono rispondere due uomini di Vallo della Lucania, citati direttamente a giudizio dal Tribunale penale di Paola. La decisione è del sostituto procuratore Rossana Esposito, a carico di Alberico Dolce, 57 anni, e Gerardo Iacovazzo, 46 anni. I due sono entrambi difesi dall'avvocato Leopoldo Catena del Foro di Salerno. In concorso tra loro e al fine di trarne profitto, i due, si sarebbero impossessati di una somma di denaro pari a 74 euro, di un monile d'oro e di un paio di scarpe da tennis Adidas. L'accusa ritiene che gli indagati abbiano sottratto gli oggetti ed il denaro all'interno di un'automobile parcheggiata a Guardia Piemontese, nel mese di giugno dello scorso anno.



Gli indagati, a bordo di una Lancia Y, avrebbero individuato la Fiat Panda, in uso alla vittima del furto, originaria di Montalto Uffugo e, approfittando di un momento in cui non passava nessuno, convinti di non essere visti, sono entrati in azione. Iacovazzo avrebbe spaccato il finestrino della Panda ed avrebbe manomesso il nottolino della serratura lato passeggeri, con l'obiettivo di forzare il cofano posteriore.Le parti offese sono di Montalto Uffugo e Castrovillari ed avevano parcheggiato l'auto nei pressi del litorale per godersi una giornata di mare. Il processo penale è stato fissato per il 16 settembre prossimo, al tribunale di Paola, davanti al giudice monocratico, Roberta Carotenuto. I due saranno assistiti dall'avvocato Leopoldo Catena, del foro di Salerno.