Scuola, iniziate le lezioni sul Tirreno, fra problemi vecchi e nuovi

A Cirella di Diamante, scuole elementari chiuse; a Grisolia problemi con le pluriclasse. I messaggi degli amministratori



ALTO TIRRENO – 14 set. 22 - Fra problemi vecchi e nuovi, alcuni risolti, altri no, riparte l'attività scolastica. Sul Tirreno cosentino, si registrano i saluti delle amministrazioni comunali e dei sindaci al personale scolastico e agli alunni delle scuole sul territorio.

SANTA MARIA DEL CEDRO

Il sindaco di Santa Maria del Cedro, Ugo Vetere, e l'intera amministrazione comunale scrivono al dirigente dell'istituto comprensivo "Borsellino". “L'inizio di ogni anno scolastico – si legge - è sempre un evento importante e significativo a cui dare massimo rilievo perché la scuola, unitamente alla famiglia, rappresenta il compendio formativo dell'esistenza umana: educazione, studio, crescita e formazione di coscienza civica e sociale dei nostri ragazzi, che saranno i cittadini di domani”. Nel territorio di Santa Maria del Cedro l'amministrazione comunale del sindaco Vetere ha fortemente puntato sul rinnovamento totale dei fabbricati che ospitano le varie scuole. Interventi che puntano anche a migliorare l'offerta formativa degli alunni con laboratori, palestre, aule dedicate. Fra l'altro, a Santa Maria del Cedro, opera la nuova dirigente scolastica, Patrizia Granato, che proviene dal Comprensivo di Praia a Mare. Proprio nella città dell'isola di Dino, prima di lasciare la dirigenza, ha seguito l'iter per il finanziamento e l'installazione di dieci impianti di ventilazione meccanica controllata nelle aule. “Diamo il benvenuto alla professoressa Patrizia Granato, che presterà la sua professionalità come nuovo dirigente scolastico – scrive l'amministrazione di Santa Maria del Cedro -. Con affetto, desideriamo far giungere ai bambini della scuola dell'infanzia, delle primarie ed ai ragazzi delle medie il nostro personale, sincero augurio di buon lavoro per un percorso formativo da vivere con interesse ed entusiasmo, coscienti che l'opportunità di imparare che viene offerta, fondamento necessario per il loro futuro, è un dono, una ricchezza, un bagaglio culturale che li accompagnerà per tutta la vita”. Il saluto anche ai docenti, ai genitori e al personale Ata con l'offerta della piena “disponibilità a dare il massimo sostegno”.



GRISOLIA

GRISOLIA – No alle classi pollaio, no alle pluriclassi. E' il senso della protesta che anima alcune famiglie di Grisolia che si trovano, ancora una volta, a fare i conti con le limitazioni numeriche dettate dalla normativa. Questa mattina, i genitori di Grisolia dell'istituto comprensivo del centro tirrenico, che dipende dalla direzione del Borsellino di Santa Maria del Cedro, hanno avviato una protesta. Il problema nascerebbe dallo sdoppiamento di una classe ed anche dai numeri legati alla ricezione delle iscrizioni. Una questione che i genitori hanno cercato di chiarire anche in una recente riunione, ma, a quanto pare, senza alcun risultato. I genitori preannunciano anche un possibile ricorso al Tar. Ma la protesta punta ad evidenziare la situazione di precarietà. Alcuni alunni hanno già frequentato pluriclassi alle elementari e probabilmente proseguiranno allo stesso modo per il prossimo triennio delle scuole medie. Questa situazione per i genitori è inaccettabile.

SCALEA

Da Scalea, Annalisa Alfano, vicesindaco e assessore al ramo, scrive: “Mi auguro sia un anno normale, senza restrizioni nel quale i bambini e i ragazzi possano vivere la didattica e la socialità

nella più totale serenità e spensieratezza. Ai dirigenti, ai docenti, al personale di tutte le scuole della città l'augurio di essere guide autorevoli e, allo stesso tempo compagni di viaggio dell'esperienza scolastica, momento formativo fondamentale per la vita dei bambini e dei ragazzi. Un augurio particolare ai bambini e ai ragazzi ucraini e di tutte le varie etnie che la città ha accolto con spirito di fratellanza affinché possano sentirsi parte integrante della comunità scaleota e vivere serenamente la propria crescita e formazione”.



DIAMANTE

A Diamante, l'assessore Francesca Amoroso ed il vicesindaco Pascale, si rivolgono agli studenti: “È un avvio, quest’anno, colmo di aspettative e di speranze perché ci lasciamo alle spalle due anni difficili e complessi, nei quali avete dovuto sopportare le tante limitazioni legate alle giuste regole di prevenzione e contrasto della pandemia”. Pronti a supportare l'istituzione scolastica: “attraverso il lavoro di tutti gli uffici e le strutture competenti”. “È necessario per questo l'impegno di tutti e il prosieguo virtuoso della positiva e sinergica collaborazione fin qui instaurata”.

CIRELLA DI DIAMANTE

DIAMANTE – Una scuola in meno apre le porte agli studenti. Si tratta della scuola elementare della frazione di Cirella di Diamante. Ad evidenziare la questione, il coordinamento del movimento denominato “Attivamente per il bene comune”. La soppressione della sede “periferica”, secondo i componenti del movimento non può essere accettata passivamente. La soppressione è legata ad un fatto di numeri, alla mancanza di nuovi giovani studenti. Ed è su questo aspetto che il movimento di Diamante e Cirella punta l'attenzione. “Inizia un nuovo anno scolastico nella nostra Regione e quindi nella nostra Diamante. I giovani che non solo come famiglie, ma anche come comunità dobbiamo coltivarli e far crescere in maniera responsabile, costituiscono la quota di capitale più preziosa che un territorio possiede per dare prosieguo alla vita quotidiana ed ai sacrifici delle famiglie. Purtroppo – scrivono dal movimento - non aprirà invece le proprie porte la scuola elementare di Cirella, storica istituzione cittadina. Conosciamo le politiche e le logiche dei tagli che danno la possibilità di tenere in ordine i conti dello Stato secondo regole numeriche e ragionieristiche, che pur si possono comprendere. Ma non si può accettare che un presidio primario per la formazione del cittadino di domani possa essere soppresso per quella logica della garanzia dei servizi essenziali che la nostra stessa costituzione riconosce e tutela. Pretendiamo – scrivono dal movimento Attivamente - che ci sia l’impegno della comunità e delle istituzioni tutte, in primis l’amministrazione comunale, affinché il diritto all’istruzione ed ancor di più dei soggetti fragili sicuramente interessati dal provvedimento, sia garantito a condizioni accettabili dagli allievi e dalle famiglie.

Il diritto all’istruzione e nelle condizioni adeguate – conclude il movimento di Diamante e Cirella - costituisce un caposaldo del vivere civile sia per quelle famiglie che risiedono nel centro cittadino ma ancora di più per le aree più “periferiche” che già sono tante volte penalizzate per altri servizi essenziali.

Oggi lo Stato parla addirittura con il linguaggio della necessità anche di un istruzione a domicilio, certamente secondo esigenze speciali, salvo poi sopprimere addirittura anche la possibilità di un corso scolastico alle elementari di Cirella, con il completo e complice asservimento, sicuramente almeno passivo, del livello di rappresentanza territoriale”.



PRAIA A MARE E TORTORA

PRAIA A MARE – Nuovo anno scolastico i sindaci De Lorenzo di Praia a Mare, e Iorio, di Tortora, hanno diffuso una nota per salutare studenti e personale scolastico: “Inizia un nuovo anno scolastico che segnerà un percorso di crescita e di formazione utile a migliorare ognuno di voi – scrive Antonino De Lorenzo a Praia a Mare -. L'amministrazione comunale e il sindaco vi augurano un inizio sereno e foriero di cose belle. La scuola è il più grande volano per la crescita delle nuove generazioni e noi saremo sempre pronti ad accogliere le istanze degli insegnanti, dei genitori e di tutte le parti sociali che sono protagoniste all'interno degli apparati scolastici”. Il sindaco di Tortora, Iorio e l'amministrazione comunale ricordano agli studenti che saranno chiamati costantemente a nuove prove e ad impegni per superare tutti i compiti: “Non scoraggiatevi, non temete di non farcela, non perdete mai la fiducia nelle vostre capacità, è solo credendo in voi che riuscirete ad acquisire le consapevolezze necessarie per superare tutte le sfide”.


VERBICARO

Il sindaco Francesco Silvestri e l'assessore alla pubblica istruzione, insieme all'amministrazione comunale hanno inviato una lettera. Ecco il testo:

Carissimi genitori e studenti, sta per iniziare il nuovo anno scolastico e siamo pronti ad accoglierlo con entusiasmo e gioia. Abbiamo affrontato due anni difficili, di limitazioni, di rinunce e sacrificio al fine di contrastare la pandemia che ci ha colpito.

Ognuno, nel suo ruolo, ha affrontato questa grande sfida e sicuramente voi studenti, più di tutti, avete vissuto in prima persona le restrizioni e le conseguenze di due anni di emergenza sanitaria.

L'anno scolastico che sta per iniziare rappresenta l'avvio di un nuovo percorso formativo, sicuramente ricco di entusiasmo, nuove aspettative, propositi e emozioni che ci fa ben sperare rispetto a quello precedente,in termini di restrizioni. Dobbiamo sempre tenere ben presente alcuni accorgimenti e precauzioni fondamentali , senza dimenticare buon senso e senso di responsabilità che avete fin qui dimostrato di avere .

Un augurio di buon lavoro alla Professoressa Patrizia Granato, nuovo Dirigente Scolastico dell'Istituto "P. Borsellino" che ci troverà sempre disponibili a fianco della Scuola.

A tutti i docenti di ogni ordine e grado, al personale Ata, ai collaboratori scolastici, che ogni giorno contribuiscono con il loro operato e professionalità all'accrescimento non solo della conoscenza e culturale, ma umana della nostra comunità dedicandosi con cura ai nostri ragazzi , un augurio di buon inizio di anno scolastico per il lavoro che svolgeranno con amore e competenza.

Alle rappresentanti di Istituto, di classe e a tutte le famiglie auguriamo una serena ripresa delle attività scolastiche , confermando la nostra disponibilità ad affrontare insieme e nell'interesse della crescita della nostra comunità qualsiasi tematica o proposta.

Ringraziamo per il lavoro svolto in questi anni , il dirigente Gerardo Guida.

Vi auguriamo un anno scolastico sereno, ricco di esperienze ed emozioni.

Buon inizio anno scolastico a tutti!

Il sindaco, l'assessore alla pubblica istruzione e l'amministrazione comunale




350 visualizzazioni0 commenti