top of page

Scalea, Parco marino, "Gli amici”: «Siamo felici per l'adesione»

Il plauso degli "Amici del parco marino della Riviera dei cedri, all'amministrazione comunale di Scalea


SCALEA – 8 mar. 21 - Da Praia a Mare, “Gli amici del Parco Marino della Riviera dei Cedri” plaudono all’adesione del comune di Scalea al Parco marino. Soddisfatti anche per la presenza dell’assessore regionale all’ambiente, del presidente del parco del Pollino, di tutti i sindaci che già sono nel parco e delle associazioni ambientaliste di zona. “Un percorso non solitario, ma ricco di collaborazioni, esperienze e sostegno. Siamo felici per questa adesione – si legge in una nota - che legittima un lungo cammino che ha sempre sostenuto il compianto presidente del parco Palmiro Manco. Scalea è ricca di qualità ambientali, di un sito Sic alla foce del fiume Lao, di una costa rocciosa ricca di grotte, di fondali con praterie di posidonia, di una variegata vegetazione che si sviluppa su una lunga duna costiera, di siti e monumenti storici, e la scelta dell’amministrazione comunale, che sosteniamo, di aderire all’area del Parco marino serve anche a rilanciare un’ipotesi di sviluppo alternativa ed attuale. Finalmente si parla di tutela e sviluppo sostenibile, di nuove opportunità occupazionali, di nuove figure che vanno a formarsi, del parco come campo di sperimentazione di un vivere sostenibile che coinvolge tutti.



Il parco è un marchio di qualità dato al territorio, ed è motore di sviluppo, sta a noi tutti sostenerlo e aiutarlo a consolidarsi. Ma vale anche la pena ricordare che il parco per vivere ha bisogno di una presenza sul territorio, di una sede istituzionale in loco e non a Catanzaro, di centri visita, di musei dedicati, in sintesi di una struttura di supporto che faccia dimenticare l’infelice decisione regionale di sospenderne l’attività a causa della spending review. Chiediamo all’Assessore all’Ambiente Regionale di restituire al Parco le normali attività secondo la Legge regionale istitutiva n. 9/2008, di finanziarlo adeguatamente ricordando che non è una realtà autonoma ma una emanazione della regione vicina ai cittadini”.

Venerdì, nella sede di Pensiamo a Scalea si è svolto un incontro con i vertici di “Per Scalea” e “Scalea Bene comune”, Angelo Paravati ed Eugenio Orrico per parlare anche del Parco Marino e dei vincoli che comporta. Achille Tenuta, presidente di Pensiamo a Scalea, ha inviato all’assessore regionale Gianluca Gallo, che è anche coordinatore provinciale di Forza Italia, un messaggio: “Siamo allarmati – si legge - per via dell’iniziativa dell’assessore De Caprio che vuole allargare il parco marino del Tirreno cosentino per la gioia di “Verdi e rossi”. Si parla di puntare sul turismo naturalistico ed archeologico. La nostra zona è, però, già strutturata per un turismo di massa che vede un milione di presenze estive. I vincoli del parco spaventano tutti. Ti voglio ricordare che anche il parco del Pollino ha ingessato un’area montana immensa, non portando niente di buono ad un territorio che si è spopolato ed impoverito (al posto degli uomini ci sono i cinghiali). 30anni di niente per i cittadini, ma solo stipendi, indennità e prebende varie per pochi. Non staremo a guardare, ma prenderemo una forte posizione”.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page