top of page

Scalea consulenze esterne: interviene il consigliere Paravati

Aggiornamento: 27 mag

Affidamento di consulenze esterne nel settore della raccolta di rifiuti e ambiente: interviene il consighliere di minoranza di Scalea, Paravati


fidamento di consulenze esterne nel settore della raccolta di rifiuti e ambiente: interviene il consighliere di minoranza di Scalea, Paravati

Scalea, 22 maggio 2024 – Consulenze esterne dall'amministrazione comunale: interviene il consigliere Angelo Paravati, capogruppo di minoranza di “Per Scalea”. La consulenza riguarderebbe una professionista di un altro centro del Tirreno cosentino. Una determina del comune che secondo Paravati va a riscrivere in ritardo i rapporti tra il comune di Scalea e l'azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti e dello spazzamento delle strade. «Quando si riscrivono i rapporti – ha commentato Paravati - significa che qualche emergenza c'è. Probabilmente si potevano attenzionare prima di elargire fuori sacco 300.000 euro quasi per due anni, per la pulizia delle cosiddette discariche».


Un atto formulato soltanto dopo due anni. «Formulato – evidenzia Paravati - ancora una volta, dando incarico di consulenze all'esterno per un importo di 13.000 euro all'anno che si vanno a sommare a tutti quegli altri incarichi che, nel frattempo, questa amministrazione dà a vario titolo». Secondo l'opposizione, un modo: «per per sgravarsi di alcuni compiti, che però istituzionalmente toccano a chi è preposto a lavorare perché percepisce lo stipendio e che quindi deve inserire tra i suoi incarichi anche quello». La professionista esterna dovrebbe verificare e controllare le clausole contrattuali. «Quindi – commenta Paravati - a distanza di due anni, ancora probabilmente il comune non sa quali sono gli elementi del contratto su cui si deve basare». Paravati ricorda che già in alcune sedute di consiglio comunale aveva fatto rilevare anche la mancanza di un contratto. La professionista sarebbe stata incaricata di verificare ogni due settimane, anche con report fotografico, la situazione dei rifiuti anche sulle strade ed eventualmente predisporre contestazioni alla ditta.


Tutto questo, con l'ausilio delle della polizia municipale. Il consigliere di opposizione pone una domanda: «Se la polizia municipale deve essere distratta dai propri compiti per supportare la professionista, come mai l'incarico non è stato affidato al corpo di polizia municipale che è uno dei più capaci certamente dell'alto Tirreno?». La professionista dovrebbe anche andare a verificare il corretto funzionamento delle isole ecologiche e soprattutto rispondere e risolvere le criticità che vengono segnalate all'ufficio tecnico comunale. E quindi Paravati pone altre domande: «Cos'è cambiato oggi nei rapporti tra amministrazione e società Mia Srl, visto che anche qualsiasi tipo di rapporto scritto orale deve passare attraverso questa persona, mentre fino a ieri si parlava di rapporti idilliaci? Da più tempo stiamo facendo una battaglia perché questa città possa avere finalmente un po' di pulizia e possa presentarsi al visitatore esterno anche in una condizione di decenza».



🔵 segui le notizie sul canale whatsapp di miocomune ➡️

Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page