Grisolia, cinquantenne trovato morto in casa: due medici iscritti nel registro degli indagati

In attesa dei risultati dell'autopsia si ipotizza il reato di omicidio colposo nell'ambito sanitario

GRISOLIA – 12 ago. 20 - C'è un'indagine in corso e la Procura di Paola ipotizza l'eventuale omicidio colposo per due medici che hanno avuto in cura il povero Pietro Novellis, 50 anni, di Grisolia trovato morto sul letto nell'abitazione alla marina del centro dell'alto Tirreno.

Una domenica tragica, quella dello scorso 2 agosto segnata da due morti nell'area altotirrenica. Da quando si è appreso, sono stati iscritti nel registro degli indagati, da parte della Procura di Paola, due professionisti: un medico del pronto soccorso di Belvedere Marittimo ed il medico curante dell’uomo. Per i due sanitari, al momento si ipotizza l'accusa di omicidio colposo nell’ambito sanitario.

In particolare i due professionisti, al momento, sono accusati di avere cagionato per colpa medica la morte di Pietro Novellis: “evento morte in Grisolia in data antecedente e prossima al 2 agosto”.

Come si ricorderà, nei giorni successivi, il 4 agosto, il sostituto procuratore della Repubblica di Paola, De Franchis, ha conferito incarico a due consulenti tecnici per effettuare l’esame autoptico sul corpo di Pietro Novellis e per verificare tempi, modalità e cause della morte ed eventuali responsabilità dei sanitari che lo hanno avuto in cura. I famigliari di Pietro Novellis hanno dato incarico al penalista, avvocato Antonio Crusco, che ha nominato un proprio consulente. Stessa cosa ha fatto il legale del sanitario del pronto soccorso di Belvedere Marittimo; mentre il difensore del medico curante non ha nominato alcun consulente.



Nel pomeriggio dello stesso giorno del ritrovamento del corpo senza vita è stata effettuata l’autopsia nella sala dell'ospedale di Cetraro. Il collegio dei consulenti del Pubblico ministero, i medici legali che hanno eseguito l'esame, per la complessità del caso, depositeranno la perizia medico-legale nel mese di ottobre, salvo proroghe.

In quella domenica, come si ricorderà, uno dei familiari si era recato nell'abitazione alla marina di Grisolia perchè non riceveva risposta da Pietro Novellis. Giunto sul posto ha intuito che si era consumata una tragedia. Una volta all'interno, ha rinvenuto il corpo senza vita di Pietro Novellis disteso sul letto e già in stato di decomposizione, probabilmente dovuta anche alle alte temperature. Da quanto si è appreso, l'uomo era stato al pronto soccorso nei giorni precedenti e, successivamente, era stato rimandato a casa. Forse nella stessa nottata il malore. Sono tutte questioni che, comunque, chiariranno i medici legali che hanno effettuato l'esame autoptico e che forniranno indicazioni anche sulle cause della morte. Particolari che serviranno a chiarire se vi possano essere responsabilità ben precise da parte degli indagati.


2,381 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)