Diamante, l'opposizione attacca: "Solo confusione”; replica Cauteruccio: “Avete sgovernato”

Botta e risposta fra le parti in consiglio comunale a Diamante sulla gestione politica del centro turistico


DIAMANTE – 27 MAR. 21 - Un'amministrazione comunale “solo confusione, fumo e passerelle inutili”. Il gruppo di opposizione “Diamante e Cirella Siamo Voi”, passa all'attacco, alla vigilia del secondo anno di mandato dell'amministrazione del sindaco Magorno. Un anno, scrivono dall'opposizione “purtroppo, passato nel disastro mondiale della pandemia. Una situazione che politicamente è stata, però, la salvezza di questa maggioranza, la loro ancora a cui aggrapparsi per dire che se le cose non vanno bene è colpa della pandemia. E’ la solita menzogna politica – scrive il gruppo di opposizione - per nascondere una inconsistenza dell’azione amministrativa che non ha precedenti e per promettere che nel prosieguo del mandato si farà questa o quella cosa. Ma non è così, è la solita bugia e promessa elettorale. Perché a Diamante, con certi politici, si è sempre in campagna elettorale: Comune, Provincia, Regione, Camera, Senato, Amministrazione di condominio, Consiglio d’Istituto scolastico…e chi più ne ha più ne metta”. Immancabile il riferimento al porto, terreno sul quale si continua ancora a discutere. “Chi vuole quel porto (magari per amicizia); chi lo voleva prima, lo ha combattuto poi, e cerca un accordo ora (magari per interessi…e non certo della collettività). C’è chi lo ha promesso in dote, quello o un'altra cosa simile, ad amici o sostenitori (ma non ha ancora capito che non si può); c’è chi da postazioni diverse, anche nelle amministrazioni passate, diceva che bisognava assolutamente evitare il contenzioso che invece ora si sta consumando. E c’è poi chi cerca di prendere in giro la gente, dicendo che tutto è risolto ed invece la situazione è ferma al palo. E nonostante le chiacchiere fatte sui giornali o nelle dirette la realtà è che i cancelli sono chiusi e la comunità di Diamante non si è riappropriata di un bel niente. Solo chiacchiere, solo bugie”. L'opposizione richiama la memoria del compianto Ernesto Caselli: “uomo di popolo”, che “non stava rinchiuso nei palazzi del potere. Era colui il quale voleva fare di Diamante un centro di aggregazione di giovani e meno giovani nella spensieratezza e nel divertimento sempre nel rispetto delle regole. Non voleva, specie d’estate, il “coprifuoco” che è stato imposto da questi signori. E non ora in pandemia, ma già nel corso della prima estate di amministrazione Magorno, quando di virus neanche si parlava”. E sulle ultime ordinanze: “alle restrizioni del Governo, aggiunge il divieto di vendita di alcolici e superalcolici a tutti gli esercizi commerciali. Anzi no, alcuni possono venderne, ma solo se il cliente dichiara che non lo consuma in luogo pubblico”.



LA REPLICA DI CAUTERUCCIO CAPOGRUPPO DI "UNITI PER TE”

“Fa sorridere l'attacco improvviso, improvvido, goffo e insensato che la minoranza consiliare di Diamante muove nei confronti dell'amministrazione comunale e soprattutto del vicesindaco Pino Pascale definendolo sceriffo”. E' la replica agli attacchi dell'opposizione con siliare, affidata ad Antonio Cauteruccio, capogruppo di “Uniti per Te”. “Fa sorridere – scrive Cauteruccio - che a definire sceriffo il nostro vicesindaco sia un gruppo politico che annovera tra le proprie fila gli stessi ex amministratori di maggioranza che la notte dell'omicidio Augeri erano assenti, che del processo non si sono occupati e che probabilmente non sanno che invece questa amministrazione comunale si é costituita parte civile nel processo che loro hanno ignorato”. La critica di cauteruccio anche a chi per anni ha “sgovernato” rimasti “perennemente lontani dalla popolazione e dai suoi bisogni”. La difesa al vicesindaco Pascale che “durante l'estate ha svolto un gran lavoro di controllo e di prevenzione, il 15 agosto ha consegnato con le sue mani alle forze dell'ordine uno dei facinorosi che misero a ferro e fuoco il centro cittadino; si assume la responsabilità di emettere ordinanze che ad alcuni risulteranno sicuramente impopolari, ma che tutelano la salute di tutti”. L'attacco politico si fa più duro quando Cauteruccio scrive: “Fa sorridere che a parlare siano dei soggetti politici puniti dall'elettorato per il proprio fallimentare operato e incapaci di vincere le elezioni anche nelle drammatiche condizioni in cui le affrontammo noi dopo la morte del nostro povero Ernesto Caselli che, ricordiamolo, scese in campo proprio per liberare la nostra città da quegli amministratori che la sgovernavano asserragliati nel palazzo”. Cauteruccio conferma: “L'amministrazione comunale è al lavoro per porre rimedio ai danni che lor signori hanno fatto sul porto, siamo al lavoro per regalare un nuovo appalto di servizio in materia di rifiuti e un unico appalto per la manutenzione del verde pubblico. Siamo al lavoro per regalare alla città due nuovi lungomari e cancellare le brutture prodotte da anni di abbandono, per varare un Piano Spiaggia moderno e adeguato alle nostre ambizioni. La pandemia sicuramente rende tutto più faticoso e più lento ma arriviamo lo stesso.”



377 visualizzazioni0 commenti