top of page

Assenteismo dal servizio: eseguito un sequestro preventivo nei confronti di un dipendente pubblico

L'attività dei finanzieri a carico di un dipendenti pubblico in servizio presso un poliambulatorio medico di un comune della provincia di Cosenza



MONTEGIORDANO - 29 mar. 23 - I finanzieri del comando provinciale di Cosenza hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip del Tribunale di Castrovillari su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di un dipendente pubblico, in servizio presso un poliambulatorio medico di un comune della provincia di Cosenza.

Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, sono state condotte dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Montegiordano ed hanno riguardato presunte ripetute condotte illecite di assenteismo dal servizio, perpetrate dal predetto pubblico dipendente.

I finanzieri hanno ricostruito, nel corso delle giornate di osservazione, numerosi e circostanziati episodi di assenteismo, di illegittimo ed ingiustificato allontanamento dal luogo di lavoro e di falsa attestazione della presenza in servizio, da parte del pubblico dipendente, per un totale di circa 125 ore di servizio, di fatto mai effettuate.



Contravvenendo ai propri doveri, l’indagato, infatti, era solito allontanarsi dall’ufficio senza alcuna valida ragione lavorativa per esigenze di carattere personale, come, ad esempio, per recarsi presso un vicino centro commerciale, il proprio istituto di credito o per rientrare deliberatamente presso la propria abitazione nel corso dell’orario di servizio, sovente permanendovi alcune ore e, talvolta, omettendo l’intero turno pomeridiano di rientro.

All’esito dell’attività investigativa, il Gip ha disposto il sequestro delle somme, indebitamente percepite dal pubblico dipendente, principale indagato, a titolo di retribuzione, per le prestazioni lavorative non effettivamente svolte, mentre altri sei soggetti, a vario titolo protagonisti delle condotte sopra descritte, risultano allo stato indagati a piede libero. I delitti contestati sono quelli di “truffa aggravata ai danni dello Stato” e di “fraudolenta attestazione della presenza in servizio”, reato che comporta, tra l’altro, il licenziamento per giusta causa per i responsabili delle condotte assenteistiche.



458 visualizzazioni

Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page