top of page

Sfugge alla guerra e viene investita a 5 anni: arrestato il 18enne alla guida del Doblò

Aggiornamento: 24 mar 2022

Le indagini dei carabinieri hanno condotto a raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti del giovane autista del Doblò che avrebbe intenzionalmente investito il gruppo


CROTONE - 23 mar. 22 - * aggiornamento Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Crotone hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per “omicidio stradale aggravato in concorso”, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Crotone su richiesta della Procura della Repubblica del Capoluogo, nei confronti di D. F. G. P., 18enne, già denunciato in stato di libertà per lo stesso reato insieme al padre. Con l'auto aveva investito tre pedoni, nella serata della scorsa domenica sulla S.P. 22, in località Cantorato, all’altezza del civico n. 52.

L'incidente ha provocato la morte della minorenne ucraina, di 5 anni, giunta sul territorio nazionale lo scorso 26 febbraio per sfuggire alla guerra. Era rimasto anche gravemente ferito un giovane crotonese, 16enne, fidanzato della cugina della vittima, 17enne, ucraina, anch’ella presente al momento del sinistro, ma rimasta miracolosamente illesa.



Il provvedimento dell'autorità giudiziaria, recepisce totalmente le risultanze investigative ottenute nell’immediatezza e nelle ore successive dai carabinieri tramite una meticolosa attività di escussione a sommarie informazioni testimoniali delle persone in grado di riferire sull’evento.

In particolare, così come emerge dal dispositivo del provvedimento cautelare, le responsabilità di D. F. G. P. sarebbero emerse dopo un tentativo del padre di eludere le indagini, addossandosi la colpa. Dichiarazioni che venivano suffragate dalle altre escussioni dei carabinieri.

LA RICOSTRUZIONE

L’investimento dei tre pedoni, intenti a passeggiare in fila indiana fuori dalla sede stradale, sarebbe avvenuto intorno alle ore 18:30. Alla guida di un Fiat Doblò di colore arancione, il 18enne avrebbe incrociato il gruppo e, successivamente, dopo aver effettuato un’inversione di marcia poco più avanti, sarebbe tornato a forte velocità verso di loro, colpendo il giovane 16enne e la piccola, che è deceduta sul colpo.

Le esigenze cautelari adottate sono state, infine, motivate dalla reiterazione dei reati di “guida senza patente”, già commessi nell’agosto del 2020 e nel corrente mese di marzo dal giovane investitore, che, dopo la notifica della misura, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Crotone e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria



LA CRONACA DI DOMENICA SCORSA

CROTONE – 21 mar. 22 - Destino crudele per la piccola ucraina di cinque anni investita mortalmente ieri sera lungo la strada provinciale 22. Nelle primissime ore di questa mattina, al termine di una breve, ma intensa attività investigativa, i carabinieri della sezione radiomobile del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Crotone, coadiuvati dai colleghi della sezione operativa e del reparto operativo del comando provinciale, hanno deferito in stato di libertà per “omicidio stradale aggravato” D. F. G. P., 18enne, con precedenti di polizia, e per “concorso in omicidio stradale” il padre, D. F. F., 44enne.

Le indagini sono state avviate la scorsa serata, quando una pattuglia della sezione radiomobile è intervenuta sulla strada provinciale 22, in località Cantorato, all’altezza del civico 52. Intorno alle ore 19.10, era stato segnalato l’investimento di alcuni pedoni intenti a percorrere la strada, lungo il margine esterno. Giunti sul posto, insieme ai medici del 118, i carabinieri hanno immediatamente constatato che erano stati urtati da un veicolo in marcia un 16enne, crotonese, la sua fidanzata, ucraina, 17enne, e la cuginetta di quest’ultima, di 5 anni, ucraina, profuga di guerra, giunta in Italia insieme alla madre, 29enne, il 26 febbraio scorso, e ospitata da alcuni parenti presenti sul territorio.



Determinanti sono risultate le acquisizioni informative effettuate sul luogo dell’incidente e le successive escussioni a sommarie informazioni testimoniali, sia delle persone potenzialmente informate sui fatti che dei familiari dei due denunciati, i quali hanno infine collaborato con i militari alla ricostruzione dell’evento, permettendo di accertare che, al momento del sinistro, il mezzo era condotto dal giovane, privo di patente di guida, ma munito del foglio rosa, mentre il genitore era il passeggero.

Il 16enne, al momento, si trova ricoverato al pronto soccorso dell’ospedale civile di Crotone in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita, per via dei politraumi subiti, mentre la salma della piccola è stata traslata all’obitorio di Crotone e messa a disposizione della competente autorità giudiziaria per lo svolgimento del successivo esame autoptico.



Comments


Miocomune whatsapp
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
telegram miocomune

contatto mail: miocomune@gmail.com

Iscriviti ai nostri canali per essere sempre informato
Clicca sulle icone, andrai direttamente ai nostri social

bottom of page