• Scalea

Scalea, inseguito e arrestato aveva coltelli del genere vietato

In tribunale la direttissima per un giovane indagato dopo un inseguimento nelle vie di Scalea



SCALEA – 31 ago. 22 - Inseguimento ad alta velocità per le strade di Scalea. I carabinieri della locale Compagnia si sono lanciati in un inseguimento di una Fiat Punto, con a bordo due persone. I militari hanno bloccato l'automobile dopo una serie di evoluzioni lungo le strade non più trafficate come nei giorni precedenti. All'interno dell'auto due persone del posto. I militari hanno intimato ai due di scendere dall'automobile con le mani in alto ed hanno avviato una perquisizione del mezzo e personale. Da quanto si è appreso uno dei due, un giovane del posto, era in possesso di armi bianche. Uno o più coltelli del genere vietato. Su quanto accaduto non ci sono molti particolari. Per uno dei due è stato disposto il fermo e, in tribunale a Paola, la direttissima. Evidentemente, i militari avevano già individuato l'automobile ritenuta sospetta che non si è fermata all'alt dei carabinieri ed ha proseguito la corsa lungo le strade cittadine. Poi, lungo via fiume Lao, l'automobile dei carabinieri è riuscita a sbarrare la strada all'automobile ed è stato ordinato ai due occupanti di scendere dal mezzo per essere sottoposti a perquisizione.



E' uno dei tanti episodi che sono stati registrati durante l'estate che sta per concludersi. Nel periodo di massima presenza di turisti lungo tutto l'alto Tirreno cosentino, territorio gestito dalla Compagnia di Scalea, evidentemente la presenza di uomini e mezzi non è sufficiente per garantire il controllo di tutti i comuni, da Tortora a Bonifati, compresi i comuni dell'hinterland. Più volte è stato affrontato il tema della necessità di aumentare la presenza di forze dell'ordine per cercare di garantire un intervento più tempestivo in caso di episodi imprevisti, di qualsiasi genere.


1.596 visualizzazioni0 commenti