CoriglianoRossano, vede i carabinieri e impone alla figlia 11enne di lanciare la cocaina dal balcone

Aggiornato il: nov 18

Arrestato un uomo di 38 anni per le ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio



CORIGLIANO ROSSANO - 16 nov. 20 - I carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, coordinati dal capitano Cesare Calascibetta, hanno tratto in arresto un 38enne del luogo per le ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Durante un servizio, presso l’abitazione di un 38enne, già noto alle forze dell'ordine, di Corigliano Calabro, i militari della dipendente sezione operativa, unitamente ai colleghi della Stazione di Corigliano Calabro Centro, supportati dall’unità cinofila “Collins” del Nucleo Carabinieri di Vibo Valentia, hanno sfruttato il momento giusto per entrare nell’abitazione del 38enne e, alla presenza dell'indagato, della coniuge e dei figli minorenni, hanno avviato una dettagliata perquisizione. Durante tali fasi, la figlia 11enne è salita al piano superiore dell’abitazione, immediatamente seguita dai militari e con il padre a fianco. Ma quest’ultimo improvvisamente ha bloccato i militari per le scale, permettendo alla figlia di salire indisturbata nella camera dei genitori. Poco dopo i carabinieri sono riusciti a superare la resistenza dell’uomo, raggiungendo la bambina, che rientrava dal balcone della camera da letto. I militari, all'esterno della palazzina, hanno trovato sotto al balcone, un calzino con un ovetto di colore giallo che all’interno conteneva sei dosi di cocaina, per un ammontare di circa 2 grammi. La perquisizione domiciliare è andata avanti ed ha permesso di rinvenire anche del materiale da confezionamento, che l’uomo aveva tentato di nascondere nel mobile del bagno. Tutto è stato sottoposto a sequestro penale in quanto ritenuto materiale pertinente al reato.

L’uomo, d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari, è stato arrestato e sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Informato anche il Tribunale dei Minorenni per quanto accaduto alla figlia minorenne. Fatti, ai quali, hanno assistito anche gli altri bambini della coppia.

  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)