Corigliano Rossano: la proposta di Straface all'Asp sui vaccini

L'ex sindaco di Corigliano, Straface: «Consentire a tutti i medici e infermieri disponibili di somministrare il vaccino»


CORIGLIANO ROSSANO - 20 gen. 21 - “A giusta ragione, tutte le comunità, ivi compresa quella della città di Corigliano Rossano, guardano con ottimismo sociale e fiducia nelle istituzioni alla fase, da poco iniziata, della somministrazione dei vaccini, quale unico antidoto per debellare l’emergenza epidemiologica purtroppo in corso ormai da un anno. Ritengo, e penso che tale pensiero personale sia condiviso da altri, che si possa e si debba fare tutto il possibile per rendere sempre maggiormente celere ed efficace la predetta fase, al fine di garantire la massima copertura della popolazione”.

È quanto dichiara Pasqualina Straface, già sindaco di Corigliano Calabro e rappresentante del Movimento del Territorio, che in merito formula un’interessante quanto attuabile proposta all’indirizzo delle preposte autorità sanitarie.



“Rivolgo un appello ai vertici dell’Azienda Sanitaria Provinciale affinché sia consentito, mediante manifestazione d’interesse e come già accaduto in altre realtà del Paese, di rendere partecipi alle procedure di inoculazione del vaccino tutte le professionalità del territorio che forniscano disponibilità in tal senso: medici, infermieri, farmacisti, e via discorrendo. Tutto ciò – spiega Straface – renderebbe molto più veloce e facile la fase di somministrazione, coinvolgendo persone dotate di competenze e comprovata esperienza nonché di spirito d’adesione a questo importante momento di vita comune. Un notevole supporto che andrebbe ad affiancare e sostenere in modo tangibile le professionalità dell’Asp già operanti in questo campo, contribuendo in modo incisivo al loro lavoro e garantendo celerità all’iter di somministrazione destinato a coinvolgere gradualmente tutte le fasce della popolazione. Auspico che questa proposta possa essere accettata e divenire realtà per i motivi fin qui esposti, accogliendo le istanze della gente comune che, come già evidenziato, guarda con legittima attesa e unica speranza al vaccino quale mezzo di contrasto per sconfiggere il temibile virus”.



61 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
telegram.jpg
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com
Iscriviti alle Newsletter

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)