Corigliano, danneggia vetture parcheggiate e aggredisce i militari: arrestato

Uno straniero, risultato già noto alle forze dell'ordine e irregolare sul territorio italiano, ha danneggiato vetture ed ha fornito ai militari false generalità dopo averli aggrediti


CORIGLIANO CALABRO – 11 mar. 21 – I carabinieri della compagnia di Corigliano Calabro, coordinati dal capitano Cesare Calascibetta, hanno tratto in arresto un 32enne marocchino per i reati di minaccia, resistenza e di falsa attestazione sulle proprie generalità a pubblico ufficiale.

I militari della sezione radiomobile di Corigliano Calabro unitamente a quelli della stazione di Corigliano Centro sono intervenuti nella frazione Schiavonea, poiché era stato segnalato un uomo in stato di ubriachezza che inveiva contro i passanti e cercava di danneggiare le autovetture parcheggiate in strada. Arrivati sul posto i militari hanno cercato, invano, di riportare l’uomo alla calma ed alle richieste di fornire le generalità, il marocchino si è rifiutato.



Non contento, ha iniziato ad insultare i carabinieri, quindi a scagliarsi contro di loro. I militari hanno dovuto necessariamente ammanettarlo e per farlo salire sull’autovettura di servizio.

Portato in caserma, lo straniero ha proseguito nel suo stato di agitazione, insultando i militari e fornendo delle generalità risultate false. Sottoposto a rilievi foto-segnaletici, i carabinieri sono riusciti a risalire alla vera identità dell'uomo, risultato già noto alle forze dell'ordine ed irregolare sul territorio italiano, poiché raggiunto da un ordine di espulsione del Questore di Catania.

Per quanto accertato e d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari il marocchino è stato arrestato per i gravi reati di resistenza, minaccia e falsa attestazione sulle proprie generalità a pubblico ufficiale e tradotto presso la casa circondariale di Castrovillari. Nel pomeriggio di ieri si è svolto il giudizio direttissimo, a seguito del quale il Gip ha convalidato l’arresto e, concordando con le risultanze investigative, ha confermato la misura cautelare detentiva in carcere in attesa della prosecuzione del processo.



34 visualizzazioni0 commenti