Tortora, il "caso” dell'infermiere della Rsa di S. Nicola Arcella, in quarantena "forzata”

TORTORA – 8 apr. 20 - Il “caso” nasce nella vicenda sulla quale abbiamo già riferito che, in un certo senso, coinvolgeva tre centri urbani, ma che poi, tutto sommato si è sgonfiato. La storia dell'infermiera della casa di cura Rosano di Belvedere Marittimo, come è noto ha generato una serie di quarantene. Il compagno, così si dice, che lavora nel settore amministrativo alla Rsa di San Nicola Arcella, è stato sottoposto a quarantena “preventiva”. Alcuni comuni, come quello di Tortora, hanno prodotto altre ordinanze di quarantena destinate anche a chi lavora nella stessa residenza per anziani e ai familiari di questi ultimi. Giusta operazione, nel momento del dubbio. Quindi, diversi giorni fa. I fatti successivi, però hanno visto il dipendente amministrativo negativo al test Covid 19. Quindi, per deduzione, tutti coloro i quali erano stati associati all'amministrativo, per contatti di lavoro, non risulterebbero infettati. E la questione sollevata, nasce da un'esigenza importante. Perchè la Residenza per anziani di San Nicola Arcella, per un eccesso di zelo, oggi rivelatosi positivo e vincente, del direttore Emilio Pastore, da tempi non sospetti, ha preso misure drastiche. I parenti degli ospiti non possono più far visita da un mese e mezzo ai loro cari; il personale ritenuto non necessario per l'assistenza degli anziani è stato collocato a riposo, così quello amministrativo. Sono rimasti gli operatori che devono provvedere alle cure degli ospiti evitando, quindi, con il massimo scrupolo il contagio. Ed il direttore Pastore, già da diverso tempo, aveva distribuito i dispositivi al personale ed ha creato dei reparti “stagni”, evitando quanto più possibile i contatti non necessari. Il ragionamento che si fa è che: venuto meno il rischio di contagio del dipendente amministrativo, negativo al tampone, il focolaio ipotizzato diventa inesistente. E quindi, c'è la necessità di restituire il personale importante per la Residenza per anziani che, altrimenti, si potrebbe trovare in grave difficoltà per offrire agli ospiti, in gran parte non autosufficienti, i livelli essenziali di assistenza. L'infermiere di Tortora che ha sollevato il caso, chiedendo e non ottenendo la revoca della quarantena, per il venir meno dei presupposti per i quali era stata emessa l'ordinanza, ritiene che sia importante che un operatore sanitario venga restituito laddove c'è bisogno. Fra l'altro, il dipendente della Rsa, è anche rappresentante sindacale della Fp Cgil, all'interno della struttura e ben conosce l'organizzazione del sistema. “In questo caso specifico – ricorda - ci siamo attivati preventivamente e scrupolosamente per preservare le degenze ed il personale dal covid-19 mettendo in atto tutti i dispositivi necessari per la prevenzione. Fino ad oggi siamo stati bravi. Ci sono le condizioni per revocare l'ordinanza a nostro carico. Non per un puntiglio personale, ma perché la decurtazione del personale rappresenta uno stato di rischio per la gestione dell'assistenza minima da garantire quotidianamente alle degenze della residenza”. Nei giorni scorsi il sindaco di San Nicola Arcella, Barbara Mele, aveva annunciato che tutti i tamponi effettuati al personale della Rsa erano risultati negativi. Il sindaco di Tortora, Lamboglia, ha fatto sapere che ha segnalato la questione ai carabinieri affinché ne prendano atto. E pare che già i militari dell'Arma si siano mossi in tal senso. Ora è necessario che chi deve decidere si dia da fare per garantire la giusta e necessaria assistenza agli anziani che sono letteralmente nelle mani del personale della Rsa.

«Per quanto riguarda le doglianze del dr. Pastore – fa sapere il sindaco Lamboglia - rispondo solo che lui è responsabile di una struttura che annovera, tra ospiti e personale, circa 70-80 persone, io sono responsabile di una comunità di circa 6000 persone, quindi a ciascuno il suo, senza polemiche!».

0 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)