Sgomberata dai rifiuti la casa di Caterina e Giacomo

Ripulito dagli operai Ecoross interamente lo stabile dove vivono i due anziani


SCALEA – 30 gen. 20 - Un impegno preso e portato fino in fondo. Lo ha seguito da vicino l'ex maresciallo Francesco Galati dello staff dell'ex sindaco Licursi. Il “caso” era riemerso nella sua drammaticità nei giorni antecedenti al Natale. La casa di via Fiume Lao a piano terra era ormai satura di rifiuti che la coppia, Caterina e Giacomo, aveva accumulato costantemente e che era divenuta ormai la parete del fabbricato. In pratica, all'interno si poteva camminare in corridoi stretti chiusi fra le pareti di rifiuti e percorsi anche dai numerosi cani che Giacomo tiene in casa. Una situazione davvero al limite.

Cosa ancor più grave era emerso che, soprattutto per Caterina, si stavano aggravando le condizioni di salute, vivendo in quegli spazi angusti e poco ospitali. L'impegno lo ha preso e lo ha portato a termine il maresciallo Francesco Galati. Per Caterina, 71 anni, sono stati indispensabili 52 giorni di ricovero all'ospedale civile di Praia A Mare. I medici hanno riscontrato: “grave deperimento organico e malnutrizione”. Caterina era stata ricoverata d'urgenza presso l'ospedale civile di Praia A Mare perchè rinvenuta, praticamente in fin di vita, insieme al compagno, Giacomo, all'interno dell'abitazione. Insieme in quello stato di grave degrado igienico sanitario e di assoluto abbandono. Come anticipato più volte, oltre alla salute dei due cittadini, vista come priorità, si rendeva necessaria la bonifica dell'appartamento che, per le condizioni di degrado, così non poteva essere chiamato. Ci sono voluti due giorni di pieno lavoro da parte di decine di operai della Ecoross di Scalea per dare corso all'ordinanza contingibile ed urgente in materia di igiene e sicurezza pubblica n. 1 del 13 gennaio 2020 del sindaco di Scalea. Per le operazioni sono stati utilizzati decine di mezzi pesanti e numerosi viaggi per svuotare ed igienizzare quanto più possibile l'interno dell'abitazione. Caterina, ad oggi, ha riacquistato un buon stato di salute ed ha potuto fra rientro presso la propria abitazione. Nella sua semplicità ha voluto ringraziare chi si è dato da fare per aiutarla a recuperare uno stile di vita accettabile. L'ex sindaco di Scalea, Gennaro Licursi, è stato presente durante i difficili lavori di bonifica dell'abitazione ed ha espresso apprezzamenti a tutti gli operai della Ecoross di Scalea che hanno compiuto, con grande attenzione, i lavori di bonifica. Presente anche la Polizia locale. Non sono mancati i ringraziamenti all'assessore, dirigente medico, presso l'ospedale civile di Praia A Mare Marcello D'Amico ed a tutti i medici del reparto e al personale infermieristico che, durante il periodo di ricovero, hanno dimostrato un alto grado di sensibilità. Gli amministratori di sostegno Angela Ruggiero e Francesco Galati, sono stati presenti a tutte operazioni, ed hanno attivato le procedure legali e di assistenza sociale per la famiglia. Nessun riscontro da parte delle varie associazioni di volontariato, laiche e religiose, presenti sul territorio. «Siamo nel ventunesimo secolo – ha commentato Galati - ed esiste ancora questo genere di degrado sociale, senza precedenti. Strano. Perché, localmente, si potrebbe risolvere con un po' di sensibilità».

4,277 visualizzazioni
  • Pagina Facebook miocomune
  • miocomune
  • Youtube miocomune
  • Instagram miocomune
  • LinkedIn
Iscriviti alle Newsletter
Segnalazioni e info
contatto mail: miocomune@gmail.com

Copyright © Miocomune. Tutti i diritti riservati. - quotidiano on line (Reg. inf. 01/2012, Trib. Paola)